Voglio sentirmi grande!

398 visualizzazioni Scrivi un commento

Molte mamme vorrebbero che il proprio figlio restasse piccolo per sempre, purtroppo questo rimane solo un desiderio perché lui molto presto vorrà in tutti i modi affermare la sua indipendenza.

Sembrava ieri che il bambino aveva appena iniziato a stare seduto, adesso invece non solo cammina ma corre per tutta la casa e quando si renderà conto di essere una persona con delle preferenze proprie vorrà essere indipendente.

Si tratta di una fase normale della sua crescita, che però può presentare qualche difficoltà. Lui vorrà cimentarsi in cose che i grandi non gli lasceranno fare o che non riesce fisicamente a fare. Per questo motivo è inevitabile che la sua frustrazione possa dare origine a capricci e/o lacrime.

A tavola, tra i 9 ed i 12 mesi, vorrà provare ad utilizzare le posate, anche se ci vorrà un po’ di tempo perché impari ad impugnarle, quando sarà più grande riuscirà ad afferrare bene il cucchiaio e sollevarlo per portarlo alla bocca senza fare pasticci. Inoltre, fino a 18 mesi di vita le ossa del polso non si induriscono, questo rende ancora più difficile per il bimbo piegare la mano e raggiungere la bocca. Non bisogna però forzare il bambino, si potrebbero scegliere posate adatte per le manine dei bambini, più semplici da impugnare, come un bicchierino con due manici. I bambini osservano molto e cercano di copiare gli altri bambini, ma anche gli adulti: far stare il bimbo a tavola con tutta la famiglia (lavoro permettendo) e mangiare tutti insieme gli darà la possibilità di copiarci. Inoltre, il bambino a quest’età non ha ancora sviluppato la capacità di concentrare a lungo la propria attenzione su qualcosa e non riesce a stare seduto a lungo, mangerà comunque quello che gli va.

Man mano passano i mesi il bambino sarà sempre più contrario ad entrare nel passeggino, ma vorrà camminare. Appena acquistata una buona stabilità, l’ideale sarebbe farlo camminare ogni giorno un po’ di più in modo da dargli la possibilità di esplorare. Camminare aiuterà a fargli bruciare più energia (favorendo un buon sonno) e lo aiuterà ad essere più snello. I primi tempi basta limitarsi ad esempio a fare il giro dell’isolato visto che i primi passi del bambino sono piuttosto brevi, per evitare che si stanchi troppo. Si possono utilizzare anche le rendini che permettono al bambino di avere le mani libere e quindi di mantenersi meglio in equilibrio e allo stesso tempo permettono ai genitori di “recuperarlo” velocemente. Il bambino si sentirà libero ed i genitori si sentiranno più tranquilli. Il luogo ideale in cui il bimbo potrà mettere alla prova i suoi limiti: qui il bambino avrà la possibilità di passeggiare da solo anche se sempre sotto la supervisione dei genitori.

Già dopo l’anno il bambino cerca di aiutare chi lo veste e questo suo interesse lo spingerà a volerlo fare autonomamente fino ad arrivare al traguardo dell’indipendenza. Verso i 15 mesi il bimbo inizia ad imparare a vestirsi da solo, avrà imparato a cooperare con il genitore quando lo veste o lo sveste (ad esempio alzando le braccia per sfilare la maglia) e verso i tre anni sarà in grado di farlo in piena autonomia.

 

E’ importante lasciare che il bambino si vesta da solo già da piccolino, proponendogli vestiti semplici e pratici come pantaloni con elastici in vita, felpe e magliette senza bottoni, scarpe con il velcro. Non bisogna però avere fretta, ma concedergli tutto il tempo necessario. Inizialmente i genitori dovranno “sopportare” la sua lentezza, ma poi apprezzeranno la sua indipendenza. I primi momenti metterà le cose al rovescio, i calzini storti…e i genitori dovranno intervenire anche se non dovranno mai far mancare i complimenti. I bambini alla fine si sentiranno importanti e sapranno che i genitori li considerano piccole personcine indipendenti ed affidabili.

Voglio sentirmi grande! ultima modifica: 2018-04-02T15:00:18+00:00 da Serena Bodei
Bio Autore

Serena Bodei

Da anni attiva nel mondo dell'informazione, scrive per Dimensione Medica dal 2014.

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *