Vitamina C, amica del cuore

595 visualizzazioni Scrivi un commento

L’apparato cardiocircolatorio, costituito dal cuore e dai vasi sanguigni è soggetto a numerose e importanti patologie spesso peggiorate da una dieta ricca di grassi, dal fumo, dalla vita sedentaria e dall’età.
Un’adeguata quantità di vitamina C è in grado di ridurre i disturbi cardiovascolari e mantenere il cuore in buona salute. E’ quanto emerge da uno studio dell’Università del Colorado, che ha messo in evidenza i benefici di questa sostanza sulla funzionalità dei vasi sanguigni. La ricerca si è concentrata sugli effetti che la vitamina ha su una particolare proteina, l’endotelina-1 (Et1), che riduce il calibro dei vasi negli individui sovrappeso o obesi. I vasi sanguigni di queste persone mostrano maggiore attività di Et1.
Lo studio è stato presentato in occasione della 14ma “International Conference on Endothelin: Physiology, Pathophysiology and Therapeutics”. Il team ha seguito 35 adulti sedentari, sovrappeso o obesi per un periodo di tre mesi. Venti partecipanti hanno assunto supplementi giornalieri di vitamina C, mentre 15 hanno seguito un programma di esercizio aerobico quotidiano. I test hanno dimostrato che 500 mg di vitamina C al giorno hanno ridotto sensibilmente i livelli di Et1, insieme al fenomeno della vasocostrizione quasi quanto lo sport. Tale sostanza, oltre che attraverso l’alimentazione, è presente in molti integratori specifici. A essa naturalmente, va associata l’attività fisica aerobica, indispensabile per prevenire i disturbi cardiovascolari.
Dai risultati dello studio emerge quindi che la vitamina C fa bene e aiuta il cuore a stare in salute, quanto un moderato esercizio fisico, come camminare a ritmo sostenuto da cinque a sette volte la settimana. Ovviamente i ricercatori avvertono che ciò non significa che si può sostituire l’assunzione di vitamina C ad un regolare esercizio fisico. Fare attività fisica regolarmente a un ritmo moderato ha molti benefici sulla salute.
La vitamina C è utile per abbassare la pressione perché aumenta l’attività di sostanze che provocano vasodilatazione. Tra gli alimenti ricchi di vitamina C ricordiamo: agrumi, spinaci, ribes nero, verdure a foglia scura, pomodori, kiwi. Attualmente, le autorità sanitarie raccomandano 40 mg di vitamina C al giorno, principalmente attraverso una dieta sana: un’arancia media contiene circa 45 mg di vitamina C, mentre una singola compressa degli integratori studiati nella ricerca ne contiene oltre 470.
E’ anche importante però non esagerare: prendere troppa vitamina C (> 1.000 mg/giorno), può causare mal di stomaco, diarrea e crampi all’addome.

Vitamina C, amica del cuore ultima modifica: 2015-09-27T05:57:38+00:00 da Serena Bodei
Bio Autore

Serena Bodei

Da anni attiva nel mondo dell'informazione, scrive per Dimensione Medica dal 2014.

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *