Via le emorroidi con un “uovo speciale”

1169 visualizzazioni Scrivi un commento

Via le emorroidi con un “uovo speciale”
In Italia, circa 4,5 milioni di persone soffrono di stitichezza (con un rapporto di 3 a 1 tra le donne e gli uomini) ed è un disturbo la cui frequenza aumenta con l’età, mentre la fuoriuscita di emorroidi interessa oltre 4 milioni di cittadini (con una prevalenza tra la popolazione maschile). La regione italiana dove sono stati riscontrati i maggiori casi di emorroidi è l’Emilia Romagna con oltre 580mila persone sofferenti.
In Giappone, nella prefettura di Tochigi c’è un tempio, il Kunigami shrine, dove la gente va a pregare convinta che aiuti a curare le emorroidi. Ci si piega con il sedere rivolto verso una pietra speciale detta “uovo sacro” e si dice che pian piano il problema se ne andrà via. Le pietre sacre non sono rare in Giappone: ma certamene la protezione dalle emorroidi è piuttosto curiosa.
Il Giappone vanta un gran numero di antichi santuari unici e insoliti con festival annessi, i giapponesi li chiamano «kisai» (festival strani). E’ all’interno di questa categoria di kisai, che troviamo il santuario Kunigami . Quest’anno il festival ha visto almeno settanta partecipanti che hanno effettuato il rituale nella speranza di curare o prevenire la malattia abbastanza scomoda.
Il rituale prevede che i pellegrini sofferenti facciano prima un bagno nudi in un fiume locale, considerato sacro. Il malato deve in seguito visitare il santuario Kunigami in cui sorge un altare con un uovo sacro, accucciarsi di fronte all’altare, porgendo il fondoschiena verso l’uovo formulando una preghiera speciale. Deve poi consumare un pasto a base di uova bollite in un tempio nelle vicinanze. Oggi però molti si limitano a quest’ultima parte e a recitare una speciale preghiera.
Esisteva anche una festa annuale di tradizione centenaria dedicata alla pietra: che non si è più tenuta dopo il 1988, recentemente è stata ripristinata come conseguenza di un aumento dei casi di emorroidi tra i giapponesi.
Coloro che non sono affetti da emorroidi possono comunque partecipare, con la speranza che così non ne soffriranno mai nella vita.

 

Via le emorroidi con un “uovo speciale” ultima modifica: 2014-12-31T17:39:41+00:00 da Serena Bodei
Bio Autore

Serena Bodei

Da anni attiva nel mondo dell'informazione, scrive per Dimensione Medica dal 2014.

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *