Vaccini e Autismo

1001 visualizzazioni Scrivi un commento

Nella ricerca condotta dai Centers for Disease Control (CdC) di Atlanta, pubblicata nel marzo 2013, sono stati studiati 256 bambini autistici e confrontati con 752 bambini non autistici, quantificando la loro esposizione, nei primi due anni di vita, ad antigeni contenuti nei vaccini. I risultati ottenuti hanno mostrato che il  numero totale di antigeni ricevuti entro i due anni di età non differiva nei due gruppi di bambini e che il numero massimo di antigeni ricevuto dai bambini autistici nelle singole sedute vaccinali era simile a quello ricevuto dai bambini senza autismo. Visti i risultati, non è stata evidenziata alcuna correlazione tra vaccini ed autismo. In passato era stata sollevata l’ipotesi di un’ associazione tra la vaccinazione trivalente antimorbillo-parotite e rosolia (Mpr) e l’autismo.

 

L’ipotesi è stata successivamente valutata da numerosi studi condotti sia in Europa che negli Usa, ma nessuno di questi ha confermato che possa esserci una relazione causale tra vaccino Mpr e autismo. Gli stessi autori dello studio inglese hanno successivamente ritirato le loro conclusioni. Le maggiori istituzioni scientifiche mondiali a partire dall’Organizzazione Mondiale della Sanità e i CdC hanno escluso, sulla base di diversi studi, qualsiasi correlazione tra autismo e vaccinazioni. Anzi, altre sono le cause che si stanno evidenziano attraverso recenti studi per l’insorgenza dell’autismo, le cui basi sembrano essere presenti già in fase è pre-natale. Gravissime invece sarebbero le conseguenze delle mancate vaccinazioni. Il mondo scientifico resta quindi compatto nel respingere la tesi di correlazione. E’importante ricordare che l’Istituto Superiore di Sanità promuove, attraverso la diffusione di informazioni scientificamente corrette, un’adesione consapevole alle vaccinazioni.

Vaccini e Autismo ultima modifica: 2014-06-23T12:31:38+00:00 da Serena Bodei
Bio Autore

Serena Bodei

Da anni attiva nel mondo dell'informazione, scrive per Dimensione Medica dal 2014.

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *