Un’innovazione: l’automobile ad aria

777 visualizzazioni Scrivi un commento

Da anni si sta cercando di creare auto con combustibili diversi dal petrolio. Tra i vari carburanti, uno che presenta molteplici vantaggi è l’aria: è presente ovunque, è pulita ed è gratis. Il suo limite è che richiede energia per accumulare energia, infatti dev’essere compressa, per questo non può essere realizzata un’automobile completamente ad aria.
Due ingegneri della PSA Pegeout-Citroen hanno arginato il problema accoppiando un motore a gasolio e l’idraulica. Hanno creato l’Hybrid Air Program e hanno collegato il motore di un’auto compatta al sistema idraulico di un aereo di linea. Questo sistema utilizza una pompa idraulica ed un pistone per comprimere l’azoto gassoso in un accumulatore ad alta pressione. Premendo l’acceleratore viene rilasciato il gas pressurizzato, che va a muovere i fluidi idraulici attraverso la pompa stessa ma in senso inverso. La pompa agisce da motore azionando le ruote. Durante la guida normale il sistema passerà da quello a gas a quello ad aria. I ricercatori hanno previsto che, per una guida urbana a meno di 70Km/h, l’auto funzionerebbe per il 60-80% del tempo esclusivamente ad aria. Rispetto al sistema gasolio-elettrico il sistema Hybrid Air è più leggero ed economico, non ci sono batterie ingombranti che devono essere ricaricate. Inoltre il sistema è stato progettato per durare tutta la vita. Il prototipo Hybrid Air sarà messo in produzione e sarà disponibile a richiesta un tutte le sub-compatte Citroen e Pegeut in Europa dal 2016. Il prezzo non è ancora stato reso noto, ma i creatori assicurano che non sarà tanto diverso da quello degli altri ibridi a gasolio.

Un’innovazione: l’automobile ad aria ultima modifica: 2014-10-25T17:30:39+00:00 da Serena Bodei
Bio Autore

Serena Bodei

Da anni attiva nel mondo dell'informazione, scrive per Dimensione Medica dal 2014.

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *