Una tata digitale per il controllo dei figli: lo smartwatch con gps

2253 visualizzazioni Scrivi un commento

Per genitori ansiosi lo smartwatch con gps rappresenta una nuova frontiera per controllare i bambini. Il bambino è troppo piccolo per usare un telefono? Nessun problema ci ”pensa” lo smartwatch, pensato per i bambini dagli 11 anni in giù, ovvero una sorta di bracciale con gps integrato, la cui principale funzione è la localizzazione di chi lo porta. La posizione del bambino viene immediatamente individuata da un’app dedicata per iOS e Android sul telefono dei genitori, più che un dispositivo di controllo, ha la funzione di dispositivo d’emergenza. A intervalli regolari poi invia messaggi con la posizione del piccolo e una registrazione dei suoni ambientali per capire dove si trovi e avverte i genitori nel caso stia uscendo da un’area geografica designata come possono essere il cortile della scuola o il campo da calcio. Potrebbe essere utile in caso in cui il bambino si perda tra la folla o si allontani dai genitori per differenti circostanze. Lo smartwatch ha l’aspetto di un orologio da polso, colorato e divertente quindi potrebbe essere molto gradito ai bambini. Oltre ad avere il localizzatore presenta anche orologio e telefono: sul monitor vengono visualizzati la data, l’ora e i messaggi inviati dai genitori mentre un grande bottone rosso laterale permette di ricevere chiamate o di telefonare in successione cinque numeri impostati dai più grandi finché uno non risponde. Ovviamente la presenza fisica di un adulto è sempre indispensabile, anche perché i bimbi impiegano davvero poche frazioni di secondo a sfilarsi bracciali, orologi e quant’altro…

 

Una tata digitale per il controllo dei figli: lo smartwatch con gps ultima modifica: 2014-09-19T12:22:27+00:00 da Serena Bodei
Bio Autore

Serena Bodei

Da anni attiva nel mondo dell'informazione, scrive per Dimensione Medica dal 2014.

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *