Un pericolo dal ghiaccio

795 visualizzazioni Scrivi un commento

Estate, stagione di sole, mare, caldo..e ghiaccio. Come rinunciare al ghiaccio nelle bibite, nei cocktail? In estate inoltre, aumenta il consumo di pesce fresco e come conservarlo al meglio se non in ghiaccio?!
Difficilmente però ci si ferma a pensare sui rischi sanitari che si corrono se lo si prende alla leggera.
L’Organizzazione Mondiale della Sanità (Oms) ha messo il ghiaccio tra gli alimenti ad alto rischio di contaminazione biologica. Il problema principale è la possibile presenza di batteri (come enterobatteri, coliformi, E.coli..), ma anche di virus, parassiti e tossine che possono causare infezioni o gastroenteriti.
Il congelamento, in genere, provoca la scomparsa di buona parte dei microrganismi pericolosi che si trovano nell’acqua, ma questo non basta per eliminarli del tutto. Durante lo scongelamento infatti, alcune cellule possono ricostituirsi e generare microrganismi vitali in grado di moltiplicarsi velocemente. Per questo motivo gli alimenti una volta scongelati debbano essere consumati rapidamente, senza lasciarli esposti al caldo o troppo a lungo in frigorifero.
Se le mete vacanziere sono i Paesi esotici, si sa che è bene bere acqua imbottigliata e che è meglio non utilizzare ghiaccio in cibi e bevande perché potrebbe creare fastidiosi disturbi che potrebbero far diventare spiacevole la vacanza. Non bisogna sottovalutare nemmeno l’aperitivo! Ecco alcune avvertenze: se l’igiene del locale scelto non ci soddisfa è bene ordinare bevande in bottiglie ancora sigillate; al bar è bene fare attenzione a come viene servito il ghiaccio, che non dev’essere mai toccato con le mani.
Anche per il ghiaccio fatto in casa ci sono dei piccoli accorgimenti da rispettare: utilizzare solo acqua potabile, pulire bene le vaschette prima e dopo ogni utilizzo (il ghiaccio avanzato va buttato e non riutilizzato), le vaschette nel freezer andrebbero avvolte con pellicola degli alimenti e tenute separate dai cibi presenti nel congelatore. Il ghiaccio va sempre maneggiato con pinze o cucchiai, non con le mani che possono essere portatrici di contaminazioni batteriche.

Un pericolo dal ghiaccio ultima modifica: 2015-07-28T16:02:14+00:00 da Serena Bodei
Bio Autore

Serena Bodei

Da anni attiva nel mondo dell'informazione, scrive per Dimensione Medica dal 2014.

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *