Un naso perfetto senza bisturi

1697 visualizzazioni Scrivi un commento

Il naso perfetto è quello che si armonizza con il volto e non importa che sia corto, lungo, alla francese.. Qualche anno fa, proprio in merito a questo, un noto chirurgo plastico brasiliano ha lanciato una nuova metodica che permette di correggere alcune imperfezioni senza utilizzare il bisturi: ovviamente si tratta di un trattamento non definitivo, ma in grado di ridurre le imperfezioni per circa 1 anno. Questa metodica si basa sull’infiltrazione di tossina botulinica di tipo A e di acido ialuronico. L’associazione oculata delle due sostanze permette di correggere le imperfezioni- entrambe queste sostanze sono riassorbibili e i periodi di riassorbimento possono arrivare anche ad un anno. Il rinofiller è impiegato per sollevare la punta del naso, modificare le narici (allargarle o stringerle..) e per togliere gobbe ed avvallamenti, magari dovuti ad una rinoplastica mal riuscita. Questo trattamento può essere fatto ambulatorialmente, l’importante è che vengano rispettate le norme di sterilità. Si inizia con una leggere anestesia locale, all’inizio viene iniettata la tossina botulinica di tipo A che serve per distendere i muscoli mimici. La sostanza inizia a lavorare dopo circa 3/5 giorni per poi mantenere il risultato per circa 8/10 mesi. L’acido ialuronico serve a riempire le parti del naso da rimodellare. Il trattamento viene eseguito con una microcannula dalla punta smussata, riducendo il trauma da ago ed eventuali ematomi che si possono presentarsi in seguito. Dopo questo trattamento è sconsigliato fare bagni caldi, sauna, massaggi e prendere il sole senza protezione.
Il trattamento consta di 2 sedute da 30-40 minuti l’una, distanziate tra loro di qualche giorno. In relazione all’entità del difetto i costi del rinofiller sono di circa 300/500 euro.

Un naso perfetto senza bisturi ultima modifica: 2014-10-22T16:44:42+00:00 da Serena Bodei
Bio Autore

Serena Bodei

Da anni attiva nel mondo dell'informazione, scrive per Dimensione Medica dal 2014.

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *