Un campo di grano in mezzo ai grattacieli

784 visualizzazioni Scrivi un commento

Ad aprile, tra il quartiere Isola e i grattacieli futuristici di Porta Nuova a Milano è stato inaugurata un’attrazione di grande originalità e significato, il campo di grano “Wheatfield”, opera d’arte ambientale dell’artista americana Agnes Denes. Questo progetto è stato realizzato dall’artista per la prima volta nel 1982 nel pieno centro di Manhattan a Battert Park City, per riportare l’attenzione del pubblico su alcuni valori sempre più trascurati dalla società globalizzata, come la condivisione del cibo e dell’energia, la salvaguardia del territorio e dell’ambiente, la crescita sociale ed economica nel rispetto della qualità della vita degli individui e delle comunità.
Dopo la semina avvenuta a febbraio, è diventata finalmente accessibile un’area che per oltre 50 anni è rimasta chiusa con 50mila m2 di terreno seminati a grano e a erba medica da più di cinquemila cittadini fra grattacieli ed edifici futuristici per uno spettacolare intervento di land art ecologica che i cittadini hanno potuto vivere dal vivo. Al suo interno un percorso pedonale su un sentiero sterrato, aperto al pubblico tutti i giorni della settimana, che permette ai visitatori di entrare nell’opera d’arte osservando da vicino la crescita e la maturazione del grano in attesa della mietitura, fatta il 9 luglio, durante la quale, nel rispetto della tradizione agricola e dell’idea dell’artista, cittadini e turisti di tutto il mondo sono stati chiamati a partecipare alla grande festa del raccolto.
L’iniziativa, realizzata dall’artista, oggi è il fulcro del progetto “MiColtivo. The Green Circle”, un percorso dedicato all’agricoltura urbana promosso da Fondazione Riccardo Catella, Fondazione Nicola Trussardi e Confagricoltura che comprende anche un orto con frutteto di 4mila metri quadrati, realizzato nel quartiere Isola per sensibilizzare i cittadini al tema del rispetto della natura e della biodiversità, pienamente in linea con il tema cardine di Expo Milano 2015 “Nutrire il Pianeta, Energia per la Vita”.
Giovedi 9 luglio, milanesi e turisti hanno “falciato” il grano, mentre gli agronomi di Confagricoltura hanno spiegato le tecniche antiche e moderne della raccolta, dal falcetto alla mietitrebbia. Ciascuno ha potuto portare a casa un mazzo di spighe e un sacchettino con i semi cresciuti tra i palazzi, per accogliere l’invito rivolto a tutti dall’autrice dell’installazione: “Piantate semi per il futuro!”. Un gesto simbolico della nostra responsabilità nei confronti delle generazioni a venire.

Un campo di grano in mezzo ai grattacieli ultima modifica: 2015-07-24T12:37:04+00:00 da Serena Bodei
Bio Autore

Serena Bodei

Da anni attiva nel mondo dell'informazione, scrive per Dimensione Medica dal 2014.

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *