Tornano in piazza “Le arance della salute”

708 visualizzazioni Scrivi un commento

 

L’idea che il cibo possa influenzare la comparsa delle malattie non è nuova. Numerosi studiosi hanno tentato di capire, non senza difficoltà, la relazione tra cibo, nutrizione e cancro.

In occasione del 50esimo compleanno di Airc (Associazione Italiana per la Ricerca sul Cancro), i donatori riceveranno in regalo la guida “50 anni di ricerca a tavola”, che contiene ricette sane e gustose e consigli per iniziare a prevenire i tumori già dalla tavola.

Come ogni anno, sabato 31 gennaio ritorna in tutte le piazze italiane, in 1750 città, l’iniziativa “Le Arance della Salute”. Con un contributo associativo di 9 euro, che permetterà di diventare socio Airc per un anno, si potrà portare a casa una reticella da 2,5 kg di arance rosse di qualità e provenienza garantite, contrassegnate dal marchio dell’Associazione e la guida “50 anni di ricerca a tavola”. Con la quota associativa, oltre che fare il pieno di vitamine verranno finanziati i progetti portati avanti dai 5mila ricercatori dell’associazione. Inoltre, in 563 scuole d’Italia le “Arance della salute” saranno distribuite il giorno precedente: venerdì 30 gennaio bambini e ragazzi, insieme a genitori ed insegnanti, diventeranno volontari per un giorno con il progetto “Cancro, io ti boccio”.

Le arance scelte da Airc sono tutte di origine italiana (Sicilia, Calabria e Sardegna) e rappresentano il simbolo di un’alimentazione sana e protettiva che, se associata a un corretto stile di vita e all’adesione ai programmi di screening e diagnosi precoce potrebbe contribuire a evitare quasi il 70% dei tumori che si verificano ogni anno nel mondo. E’ importante ricordare che quattro tumori su dieci in Europa sono provocati da stili di vita scorretti e da fattori ambientali.

 

Tornano in piazza “Le arance della salute” ultima modifica: 2015-01-29T14:22:53+00:00 da Serena Bodei
Bio Autore

Serena Bodei

Da anni attiva nel mondo dell'informazione, scrive per Dimensione Medica dal 2014.

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *