Il tocco del benessere

268 visualizzazioni Scrivi un commento

Il Jin Shin Jyutsu (JSJ) è un’antica pratica di digitopressione basata su un approccio olistico alla medicina, in cui corpo e organi sono strettamente collegati. Questa pratica è stata riscoperta solo all’inizio del secolo scorso dal maestro Jiro Murai (un guaritore e filosofo giapponese, che ha applicato la tecnica nel tentativo di risolvere un problema di salute) e portata in Occidente dalla nippo-americana Mary Burmesteir negli anni 60.

E’ un’antica tecnica che insegna a far leva sui meccanismi di autoguarigione del corpo, che tutti possiedono; aiuta a capire come riportare in equilibrio l’energia vitale attraverso il tocco di alcuni punti del corpo (permette di riequilibrare le energie accumulate in eccesso, ad esempio a causa di stati emotivi come rabbia o frustrazione). Il  Jin Shin Jyutsu è infatti un tipo di digitopressione che si basa su 26 punti di pressione (26 nella parte destra del corpo e 26 a sinistra) che corrispondono ad altrettanti percorsi energetici, si tratta di punti su cui passano i meridiani individuati dalla medicina cinese (chiamati serrature dell’energia, hanno l’obiettivo di sbloccare l’energia dell’organismo e di farla fluire). Utilizza le dita e le mani per liberare le vie bloccate o sovraccariche, in modo da armonizzare l’energia nel corpo, calmare la mente ed equilibrare le emozioni. Il Jin Shin Jyutsu può essere praticato sia su di sé che sugli altri: se alcuni trovano benessere dopo 5-10 minuti, altri necessitano di più tempo.

Fondamentale per questa tecnica orientale è il respiro: bisogna ascoltarsi mentre si inspira ed espira, e attraverso l’appoggio delle mani o delle dita sui punti, si sentirà l’armonia che si ricrea dentro di noi. Una volta raggiunto l’equilibrio, la persona sperimenta armonia fisica, mentale e spirituale.

Uno studio condotto dal Markey Cancer Center, dell’Università del Kentucky, ha cercato di verificare l’efficacia del JSJ nell’alleviare il dolore, lo stress e la nausea in pazienti affetti da cancro; ed ha dimostrato che i pazienti che seguivano almeno 3 sedute di Jin Shin Jyutsu erano in grado di ottenere notevoli miglioramenti nei disturbi. Anche altri studi hanno provato a verificare gli effetti del Jin Shin Jyutsu sullo stress mentale e su disturbi fisici, portando ad affermare che la tecnica, se ben eseguita, può avere le sue ripercussioni positive sul benessere delle persone.

Esiste una correlazione tra dita ed emozioni: su ogni dito e sul palmo si trovano tutti i centri energetici che possiamo stimolare. Il pollice corrisponde al primo livello energetico e va a stimolare l’energia di alcuni organi (ad esempio, stomaco e milza). Il pollice è collegato a emozioni ben precise: preoccupazione, depressione, ansia. Di conseguenza, i disturbi a esso collegati sono il mal di testa, il mal di stomaco, ma anche l’insonnia, il nervosismo. Mantenere premuto il pollice serve per alleviare lo stress allo stomaco e riequilibrare l’energia della milza.

L’indice è collegato a emozioni come la paura, la confusione mentale e si tende a difendersi giudicando o accusando, ma anche a eccesso di autocritica e timidezza. I disturbi fisici associati sono relativi ai reni, alla vescica e ai denti; i più diffusi sono: dolori muscolari e alla schiena, problemi a denti e gengive, problemi digestivi.

Le emozioni che riguardano il dito medio sono l’irritabilità, la rabbia e gli sbalzi d’umore. Avvolgerlo con le dita libere aiuterà a placare questa sensazione di non controllo di sé.Gli organi corrispondenti sono fegato e cistifellea e i disturbi: stanchezza, emicranica, crampi mestruali, affaticamento agli occhi.

L’anulare riguarda i dolori dell’animo: i sentimenti associati sono la tristezza profonda, la paura del rifiuto, la negatività. Gli organi che hanno delle corrispondenze con l’anulare sono i polmoni e l’intestino crasso. La digitopressione di questa parte del corpo può aiutare a trattare ronzii alle orecchie, disturbi respiratori, malattie della pelle.

La digitopressione del mignolo aiuta contro l’insicurezza, i problemi di autostima, il nervosismo. I suoi organi sono cuore e intestino tenue e i disagi fisici patologie cardiache, problemi di pressione, gonfiore e mal di gola.

 

Il centro del palmo rappresenta la 26ma serratura dell’energia sia della mano destra che della mano sinistra. Stimolandolo si rilasciano le tensioni di ogni tipo e praticando ogni giorno questo contatto si scoprirà che si amplieranno i propri orizzonti del pensiero. Lasciando andare tutto ciò che impedisce all’energia di fluire liberamente si potrà arrivare a smettere di accumulare stress e tensioni causate dalle nostre abitudini individuali. Sembra che il Jin Shin Jyutsu, attuato da un principiante, sia un’efficace tecnica di rilassamento, in grado di placare tensioni fisiche ed emotive; attuata da un esperto, invece, potrebbe avere degli effetti amplificati su mente e corpo.

Il tocco del benessere ultima modifica: 2017-10-11T10:00:22+00:00 da Serena Bodei
Bio Autore

Serena Bodei

Da anni attiva nel mondo dell'informazione, scrive per Dimensione Medica dal 2014.

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *