Su e giù per i ponti di Venezia

1039 visualizzazioni Scrivi un commento

Il 19 aprile, le calli della città lagunare più famosa del mondo saranno percorse dalla marcia solidale “Su e Zo per i Ponti di Venezia”. Una passeggiata a Venezia che coinvolge tutti i partecipanti, giovani e meno giovani, famiglie, scuole in una camminata attraverso le calli della città, uniti dall’idea di stare insieme in amicizia e solidarietà. Una manifestazione per beneficienza, quest’anno per la missione salesiana di Aleppio in Siria.
Lo spirito aggregativo che unisce le diverse tipologie di partecipanti è da sempre il motivo ispiratore della manifestazione, che intende incentivare la partecipazione in gruppi evidenziando in particolare il protagonismo giovanile. Tipica presenza è quella dei gruppi folkloristici che danno a Venezia, attraverso costumi, spettacoli, musiche un festoso tono multiculturale. Ogni partecipante infatti, durante la camminata, si può identificare nella cultura, nella storia e nelle tradizioni di Venezia, ma può venire, nello stesso tempo, educato ad accogliere la varietà degli altri orizzonti in un vivace clima comunicativo.
La 1° “Su e Zo per i Ponti” si svolse nel 1975. La partecipazione a questa marcia è sempre stata molto numerosa in tutte le sue edizioni: da un minimo di 1.750 alla prima edizione, ad un massimo di 19.250 adesioni alla settima edizione. Dopo oltre trent’anni, pur mantenendo intatto lo spirito delle origini, la “Su e Zo” continua ad essere ancora oggi una giornata di festa e di allegria che si rinnova anno dopo anno, vi prendono parte mediamente tra i 10.000 e i 12.000 partecipanti, oltre ai 500 volontari che prestano servizio ai ristori e lungo i percorsi.
Enti Pubblici, aziende private, realtà produttive e istituti bancari con il loro contributo hanno permesso alla manifestazione di crescere e di diventare uno degli appuntamenti annuali di maggior richiamo nella città lagunare.

 

Su e giù per i ponti di Venezia ultima modifica: 2015-04-16T14:37:36+00:00 da Serena Bodei
Bio Autore

Serena Bodei

Da anni attiva nel mondo dell'informazione, scrive per Dimensione Medica dal 2014.

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *