Stop alle lacrime

626 visualizzazioni Scrivi un commento

Ad accompagnare la primavera arrivano anche naso gocciolante ed occhi rossi; tutta colpa dei pollini che si riversano nell’aria. Accanto alla rinite, un altro disturbo causato dall’inalazione dei pollini è rappresentato dalla congiuntivite allergica, ossia l’infiammazione della congiuntiva, la membrana che riveste esternamente il bulbo oculare e la parte interna delle palpebre. I sintomi più comuni sono: sensazione di un corpo estraneo nell’occhio accompagnata da bruciore ed arrossamento; aumentata lacrimazione, spesso secrezioni trasparenti o biancastre e talvolta fastidio dato dalla luce.
I rimedi dolci più adatti nella cura della congiuntivite allergica possono arrivare sia dalla fitoterapia che dall’omeopatia. L’omeopatia è particolarmente indicata per chi soffre di congiuntivite sia per l’assenza di effetti indesiderati e di tossicità che per l’assenza di interazioni con farmaci. Per questi motivi i rimedi omeopatici risultano adatti anche ai bambini e alle persone anziane.
Ai primi sintomi di congiuntivite si può usare il collirio Euphralia a base di Chamomilla vulgaris ed Euphrasia officinalis, l’applicazione può essere ripetuta al bisogno. In presenza di bruciore agli occhi ed al naso si può usare Arsenicum album 9CH ed in caso di irritazione sia al naso che agli occhi si può usare Kalium iodatum 9CH.
Contro la congiuntivite possono essere utili anche erbe e piante. I rimedi fitoterapici possono essere assunti sotto forma di tintura madre, compresse o tisana. L’Euphrasia in tintura madre è ottima contro la congiuntivite di origine allergica. Per alleviare i sintomi possono essere utilizzate anche piante ad azione calmante come camomilla ed altea sotto forma di impacchi. L’elicriso, ad azione simile al cortisone, è indicato per le infiammazioni allergiche.
Esistono dei piccoli accorgimenti che possono ridurre i sintomi di riniti e congiuntiviti: sarebbe bene evitare luoghi all’aperto ricchi di polline, o almeno, se possibile, non uscire nelle ore centrali della giornata che sono quelle di maggiore concentrazione pollinica. Non viaggiare in auto con i finestrini abbassati e in casa tenere chiuse le finestre, utilizzare occhiali da sole di buona qualità per ridurre i disturbi indotti dalla fotofobia.

Stop alle lacrime ultima modifica: 2015-05-10T16:10:42+00:00 da Serena Bodei
Bio Autore

Serena Bodei

Da anni attiva nel mondo dell'informazione, scrive per Dimensione Medica dal 2014.

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *