Sosteniamo l’allattamento al seno

586 visualizzazioni Scrivi un commento

L’allattamento al seno è da sempre sostenuto e promosso grazie ai benefici che genera sulla salute sia della madre che del neonato. Nella dichiarazione congiunta Oms-Unicef, un documento in cui sono stati stilati dieci passi per favorire la pratica dell’allattamento al seno. Nel documento viene riportato quello che il personale preposto di ogni punto nascita dovrebbe fare: prima di tutto per promuovere l’allattamento al seno dovrebbe essere definito un protocollo scritto; il personale sanitario dovrebbe essere addestrato per mettere in pratica tale protocollo. Le donne, già durante la gravidanza, dovrebbero essere informate sui vantaggi e su come effettuare l’allattamento al seno. Se il parto è andato bene, il personale dovrebbe aiutare la madre ad allattare al seno entro mezz’ora dalla nascita del bambino; inoltre deve mostrare alla madre come allattare e come mantenere la produzione di latte in caso di separazione dal neonato. E’ importante non somministrare al neonato liquidi diversi dal latte materno, se non su indicazione medica.
L’ospedale o la clinica dovrebbe praticare il rooming-in, in questo modo la madre ed il neonato potranno restare insieme 24 ore su 24 per tutta la permanenza in ospedale. L’ostetrica e la puericultrice devono incoraggiare l’allattamento al seno a richiesta, anche se, soprattutto nei primi giorni, per la madre può essere molto stancante. Durante il periodo di allattamento il neonato non dovrebbe prendere né tettarelle artificiali né succhiotti. Inoltre, una volta che la mamma viene dimessa dalla struttura dove ha partorito, non dev’essere “lasciata sola”. Bisogna favorire lo stabilirsi di gruppi di sostegno all’allattamento al seno ai quali le madri possono rivolgersi e dove possono trovare le risposte alle loro domande sia da personale specializzato che dalle altre mamme.

Sosteniamo l’allattamento al seno ultima modifica: 2015-08-07T21:18:04+00:00 da Serena Bodei
Bio Autore

Serena Bodei

Da anni attiva nel mondo dell'informazione, scrive per Dimensione Medica dal 2014.

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *