Sanibel e Captiva islands

536 visualizzazioni Scrivi un commento

Collegate a Fort Myers, sulla costa occidentale della Florida, da una strada a pagamento lunga 5 km che si snoda su lunghi ponti sull’acqua attraversando piccole baie incantate, le isole di Sanibel e di Captiva offrono magnifiche spiagge di sabbia e conchiglie, mare limpidissimo e caldo. Queste isole ancora poco frequentate, conservano il loro fascino grazie ai loro paesaggi selvaggi e alla calma che vi si trova.
A Sanibel, interessanti da visitare il faro che risale al 1884,il Matthews Shell Museum, il Museo di Storia, il Parco di Tarpon Bay dove si possono noleggiare kayak e canoe e la Riserva Nazionale di JN che può essere visitata in automobile, barca, tram o a piedi. Infatti, dopo una dura lotta, i gruppi ambientalisti sono riusciti a tutelare le ricchezze naturali di Sanibel e a creare una riserva naturale che copre quasi un terzo della superficie dell’isola. Captiva offre due stazioni balneari ben strutturate e numerose gallerie d’arte. L’isola ha pochi abitanti ed è un habitat per numerosi animali, tra cui alligatori ed aironi e specie vegetali. L’unica pecca che si può trovare a quest’isola è rappresentata dalla mancanza di parcheggi, presenti esclusivamente nella punta nord di Captiva.
All’alba i raccoglitori di conchiglie setacciano la spiaggia delle due isole avanti e indietro alla ricerca di ciò che il mare ha portato nella notte. Si possono trovare esemplari di conchiglie di dimensioni veramente considerevoli. La spiaggia rimane tappezzata da piccole conchiglie che invece non vengono raccolte.

 

Sanibel e Captiva islands ultima modifica: 2015-06-18T00:42:32+00:00 da Serena Bodei
Bio Autore

Serena Bodei

Da anni attiva nel mondo dell'informazione, scrive per Dimensione Medica dal 2014.

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *