“Rinfrescarsi” per l’estate

960 visualizzazioni Scrivi un commento

Col passare degli anni la pelle del viso tende a segnarsi sempre più per colpa del naturale invecchiamento dei tessuti. In alcuni casi però, questo processo risulta accelerato per l’intervento di uno o più fattori di rischio, come il sole, il fumo, lo smog, un’alimentazione squilibrata.
Per rimediare a questo si può ricorrere ad alcuni trattamenti che possono essere effettuati anche d’estate perché non richiedono bisturi, non prevedono convalescenza e hanno effetti secondari quasi nulli.
Tra questi trattamenti possiamo ricordare la biorivitalizzazione, utile per contrastare i primi segni d’invecchiamento mediante iniezioni di varie sostanze nel derma. La più indicata per donare freschezza al viso è l’acido ialuronico che va a migliorare la luminosità e l’idratazione della pelle. L’acido ialuronico, oltre che ad essere utilizzato da solo, può anche essere abbinato ad altre sostanze (vitamine, Sali minerali, acidi nucleici, aminoacidi) che vanno a stimolare la circolazione locale e aumentano la produzione di collagene ed elastina che donano sostegno alla pelle. Il trattamento di biorivitalizzazione è indolore e non richiede anestesia: il medico, attraverso dei sottili aghi, inietta le sostanze scelte fra le cellule del derma. Ogni seduta può durare dai 15 ai 45 minuti ed il numero di interventi può variare sulla base dell’estensione dell’area da trattare e dell’entità del difetto; i benefici iniziano a vedersi già dopo la prima seduta anche se in linea di massima sono necessarie almeno 3-4 sedute a distanza di 15-30 giorni l’una dall’altra. I costi variano in base alle sostanze iniettate e partono dai 150 euro circa.
La carbossiterapia invece viene utilizzata per migliorare il colorito e l’aspetto del viso e consiste nell’infiltrazione di anidride carbonica nella sottocute o nel derma. Questo gas va a stimolare la motilità nei vasi migliorando la circolazione, stimola anche i fibroblasti ed il collagene che da luminosità e tono all’epidermide. Viene utilizzata per combattere rughe e depressioni in generale perché crea una lieve tensione del tessuto sottocutaneo restituendo al viso un aspetto più giovane e fresco. Anche in questo caso il trattamento è indolore: tramite minuscoli aghi inseriti per circa un centimetro di profondità nella zona da trattare, si insuffla anidride carbonica che va a gonfiare la parte. Questo rigonfiamento si riassorbe spontaneamente in pochi attimi. La durata della seduta va dai 20 ai 40 minuti ed un ciclo completo prevede dalle 10 alle 12 sedute, da fare una-due volte la settimana. I primi effetti sono già visibili al termine della prima seduta, ma si perfezionano nel tempo. E’ necessario anche un periodo di mantenimento per non perdere i risultati raggiunti. I costi vanno dai 40 ai 120 euro per seduta, in base alla zona da trattare.

“Rinfrescarsi” per l’estate ultima modifica: 2015-07-13T11:33:18+00:00 da Serena Bodei
Bio Autore

Serena Bodei

Da anni attiva nel mondo dell'informazione, scrive per Dimensione Medica dal 2014.

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *