Psoriasi, può migliorare con una corretta alimentazione

1493 visualizzazioni Scrivi un commento

Una corretta alimentazione può fare molto per contrastare la psoriasi perché tra i fattori che peggiorano questo problema ci sono carenze nutrizionali e sovrappeso. La psoriasi è una dermatosi cronica caratterizzata da zone di pelle a squame, arrossamenti, bruciore, infiammazione e prurito. Tendenzialmente i sintomi legati alla psoriasi migliorano nella stagione estiva. Le cause sono ancora sconosciute, ma per ridurre i sintomi si può seguire una dieta antiinfiammatoria ricca di antiossidanti e sostanze nutrienti lenitive per la pelle. La dieta ideale punta soprattutto sul consumo di frutta e verdura, meglio se cruda, pesce, carni magre e frutta a guscio. Il consumo di pane, pasta, dolci, contenenti grassi saturi e zuccheri che favoriscono l’infiammazione, dovrebbe essere ridotto di molto.
I più importanti nutrienti per una dieta “antipsoriasi” sono i seguenti: flavonoidi, con proprietà antiossidanti. Da preferire frutta e verdura di colore blu e rosso, verde intenso, bianco e arancione. I flavonoidi potenziano l’azione della vitamina C. La vitamina C ha un effetto antiossidante e protettivo perché contrasta la formazione dei radicali liberi, stimola il metabolismo e la produzione di aminoacidi, collagene e ormoni. I cibi più ricchi in vitamina C sono kiwi, limone, peperone, ribes, verdure verdi, favoriscono anche l’assorbimento della vitamina E. La vitamina E è presente soprattutto in olio di oliva, semi oleosi, pesce; migliora l’ossigenazione della pelle e protegge le cellule, gli ormoni e le vitamine dall’ossidazione. Favorisce la circolazione sanguigna con la sua azione leggermente vasodilatatrice e di rinforzo delle pareti dei capillari. La vitamina A riduce importanti sintomi della psoriasi: bruciore, secchezza e prurito. I carotenoidi sono pigmenti presenti soprattutto nei vegetali rossi ed arancioni (pomodori, carote etc) e vengono trasformati dall’organismo in vitamina A. In persone affette da psoriasi di solito si osserva una riduzione dei livelli di vitamina D, importante per mantenere costante i livelli di calcio, mineralizzazione delle ossa. E’ presente in alcuni alimenti di origine animale: fegato, latte , uova, pesci grassi come sgombro e sardine. Gli omega 3 hanno una funzione antiossidante e antiinfiammatoria. Sono nutrienti essenziali e favoriscono l’assorbimento delle vitamine A ed E dall’effetto protettivo. Stimolano il metabolismo aumentando la quantità di grassi e zuccheri bruciati dall’organismo. Lo zinco è un minerale che stimola la rigenerazione della pelle, lavora insieme alla vitamina A nella produzione del collagene e sostiene azioni necessarie alla ricostruzione tissutale. Pesce, carne, uova sono alimenti ricchi di zinco.

Psoriasi, può migliorare con una corretta alimentazione ultima modifica: 2014-09-09T11:20:26+00:00 da Serena Bodei
Bio Autore

Serena Bodei

Da anni attiva nel mondo dell'informazione, scrive per Dimensione Medica dal 2014.

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *