Props, una variante del Pilates

3036 visualizzazioni Scrivi un commento

In Italia il metodo di Joseph Pilates ormai è molto diffuso, sono molte le scuole e le palestre che lo seguono, alcune riproponendolo fedelmente e altre in formula rielaborata. Quest’ultima consente una maggiore efficacia nell’affrontare e risolvere i problemi posturali e articolari che possono comparire quotidianamente. Un esempio è dato dal Pilates Props, ossia un allenamento a corpo libero sul tappetino che prevede l’utilizzo di piccoli attrezzi, molto popolari nel Pilates, come la Fit ball (ottimo strumento per l’incremento del controllo neuromuscolare e del livello di forza; inoltre, permette di eseguire tutti gli esercizi per gli addominali in assoluta sicurezza per la colonna vertebrale), il Magic circle (il cerchio con le maniglie, utile per tonificare in modo mirato ed efficace, aumentano il tono muscolare di gambe, addominali e glutei, rinforzano la schiena e migliorano la postura), il Barrell (una specie di gradino) e l’Elastband (una banda elastica adatta per ogni tipo di allenamento, per la rieducazione, lo stretching ed in generale per tutte le attività di tonificazione).
Generalmente gli esercizi si eseguono con le gambe distese e la schiena appoggiata a terra, e coinvolgono la muscolatura delle braccia, delle gambe, delle spalle e soprattutto della pancia.
Il Pilates Props, grazie all’ausilio dei piccoli attrezzi, è in grado di rassodare e rimodellare l’addome rilassato e gonfio classico del post gravidanza. Inoltre, permette di rafforzare il pavimento pelvico che ha perso tonicità con il parto. E’ indicato per sciogliere le tensioni, soprattutto quelle a carico della parte alta del corpo che durante l’allenamento si irrigidisce; aumenta l’elasticità e la coordinazione delle varie parti del corpo.
Il Pilates Props è però controindicato in presenza di artrosi, in quanto va a sollecitare le articolazioni. Si rischia di peggiorare l’infiammazione e la degenerazione dei tessuti.

Props, una variante del Pilates ultima modifica: 2015-12-17T11:30:09+00:00 da Serena Bodei
Bio Autore

Serena Bodei

Da anni attiva nel mondo dell'informazione, scrive per Dimensione Medica dal 2014.

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *