Pontedera, successo per l’uso della Medicina Tradizionale Cinese in gravidanza

974 visualizzazioni Scrivi un commento

Le Medicine Complementari si confermano uno strumento di cura della gravidanza, lo dimostrano i dati e l’esperienza, ormai pluriennale, dell’ambulatorio di Medicina Tradizionale Cinese (Mtc) dell’Ospedale Lotti di Pontedera. Questo ambulatorio, primo in Toscana, è gestito dall’ostetrica Elena Cerri ed è attivo da 12 anni e si avvale dell’Mtc per quanto riguarda la preparazione al parto, per “far girare” feti podalici in epoca gestazionale compresa tra 32 e 36 settimane, ma anche per aiutare le donne dopo il parto cesareo o come sostegno durante l’allattamento.
Dal 2012 sono state prese in carico 397 donne per diverse problematiche della gravidanza o semplicemente per il mantenimento dello stato di salute, proprio per la caratteristica peculiare della Mtc, una medicina energetica e preventiva.
L’attività si svolge all’interno del reparto di ostetricia-ginecologia e offre un servizio di consulenza e trattamento di problemi che possono verificarsi nel corso della gravidanza come nausea, vomito, patologie dolorose, stati ansiosi, irritabilità, lieve depressione e turbe del sonno, nonché per il sostegno energetico della gravidanza, dell’allattamento al seno, della fase puerperale e trattamento delle ragadi al seno.
Per accedere a questo servizio è necessario pagare un ticket se non si è esenti ed essere residenti in Toscana, comunque prima di ogni prestazione viene valutata la condizione energetica della paziente e quindi il trattamento più idoneo. Grazie a questa offerta l’ASL 5 diventa capofila di una esperienza innovativa, che restituisce alle ostetriche il loro ruolo di sostegno, cura e presa in carico della gravidanza a basso rischio, con tecniche naturali che lavorano sul benessere e sulla salute della donna.

 

Pontedera, successo per l’uso della Medicina Tradizionale Cinese in gravidanza ultima modifica: 2015-02-26T16:56:20+00:00 da Serena Bodei
Bio Autore

Serena Bodei

Da anni attiva nel mondo dell'informazione, scrive per Dimensione Medica dal 2014.

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *