Più giovani grazie alla Tecar

737 visualizzazioni Scrivi un commento

La Synergistic healthcare methodology, conosciuta come Tecar, è una tecnica utilizzata per curare con efficacia ed in tempi brevi dolori muscolari, articolari, sia acuti che cronici. Grazie alla Tecar, attraverso due elettrodi, vengono richiamate cariche elettriche dall’interno del corpo: il primo elettrodo tratta pelle, muscoli e sistema veno-linfatico; il secondo è per il sistema osseo, fibroso e tendineo.
Il principio su cui si basa è quello di mobilizzare le cariche naturalmente presenti nel tessuto biologico, che stimolano la microcircolazione, aumentando la vasodilatazione e la temperatura corporea, ottenendo così la guarigione da dolori muscolari ed articolari.
La Tecar viene applicata anche nell’ambito estetico, dove ha la funzione di rigenerare i tessuti cutanei danneggiati inducendo una biostimolazione sia intracellulare che nella matrice extracellulare. Grazie a questo si ha una velocizzazione nella riparazione dei tessuti, una circolazione sanguigna più attiva e drenaggio linfatico; grazie alla vasodilatazione si verifica una migliore ossigenazione dei tessuti.
Il calore generato dal corpo determina una pelle più distesa e luminosa e una riduzione delle rughe. I risultati sono ancora più evidenti se prima di iniziare il trattamento si fanno delle sedute  di peeling.
Una seduta dura circa 20 minuti (dai 60 agli 80 euro)e non è dolorosa: il medico, dopo aver deterso il viso, applica un’emulsione elettrolitica conduttrice e posiziona dietro la schiena il primo elettrodo neutro, mentre con il secondo inizia il massaggio al viso. Il trattamento è sicuro ed efficace e non lascia gonfiori o altri effetti collaterali. Non ci sono controindicazioni se non per portatori di pacemaker o per le donne in gravidanza.  Si consigliano dalla sei alle otto sedute (una ogni 10 giorni), da ripetersi due volte l’anno.

Più giovani grazie alla Tecar ultima modifica: 2015-07-28T15:44:55+00:00 da Serena Bodei
Bio Autore

Serena Bodei

Da anni attiva nel mondo dell'informazione, scrive per Dimensione Medica dal 2014.

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *