Pitaya gialla, un aiuto per l’attività intestinale

2383 visualizzazioni Scrivi un commento

La Pitaya, conosciuta anche come dragon fruit, o scientificamente Selenicereus Megalantus fa parte della famiglia delle Cactacee è coltivata in un terreno leggermente acido ricco di materia organica ad un’altitudine tra i 1400 ed i 1700 metri soprattutto in Colombia ed in tutto il Sud America. Per la coltivazione vengono osservati i criteri dell’agricoltura biologica, perciò i campi vengono fertilizzati con concimi naturali derivati dal compostaggio di residui vegetali. Il clima della zona è quello secco della foresta tropicale, caratterizzato da temperature medie al di sopra dei 24 ºC e precipitazioni annuali tra i 1.000 e 2.000 millimetri. Allo stato selvatico la pianta è rampicante e si avvinghia ai grossi tronchi degli alberi della foresta, curiosamente fiorisce solo di notte e il grande fiore bianco che appare crea un bellissimo effetto nella piantagione. Il frutto è pronto per la raccolta dopo un mese circa dalla comparsa dei fiori che durano un solo giorno. Prima della maturazione la pitaya è verde e ricoperta da minuscole e affilate spine che vengono rimosse dopo la raccolta. Pitaya in realtà non è altro che il frutto con scorza gialla, carnosa e spinosa e dalla polpa bianca punteggiata di una moltitudine di finissimi semi neri commestibili, oppure dalla variante con scorza rosa con bractee verdi e dalla polpa bianca o rossa con semi neri. La polpa della Pitaya gialla è più saporita di quella rossa, si scioglie in bocca come un sorbetto. Il frutto si conserva per una decina di giorni a temperatura ambiente. Questo frutto è delizioso, rinfrescante, ottimo come dessert, si consuma tagliato a metà e mangiato con il cucchiaino. La Pitaya Gialla è ricca in fibre, ferro e fosforo, contiene inoltre proteine e calcio. Contribuisce al fabbisogno di vitamine essenziali come la vitamina A e la vitamina C di cui il nostro corpo necessita. È fonte di prebiotici che promuovono lo sviluppo di batteri benefici che migliorano la flora e le funzioni intestinali. Viene impiegata come depurativo intestinale, il suo effetto a seconda del quantitativo che ne viene assunto può essere lassativo o ristabilente la corretta funzionalità dell’intestino. È ricca di fibre, ferro, fosforo,betalaina e cactina. Utilizzata principalmente per regolarizzare l’attività intestinale, in commercio numerosi prodotti a bsae di Pitaya gialla. Tra questi, la “Pitaya gialla” di Prodigi della Terra, contiene 100% del frutto disidratato che può essere utilizzato in qualsiasi momento e che può essere dosato nei tempi e nella quantità.

Pitaya gialla, un aiuto per l’attività intestinale ultima modifica: 2014-07-29T09:49:58+00:00 da Serena Bodei
Bio Autore

Serena Bodei

Da anni attiva nel mondo dell'informazione, scrive per Dimensione Medica dal 2014.

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *