Piccoli accorgimenti per proteggere il cuore delle donne

1690 visualizzazioni Scrivi un commento

 

Almeno per quanto riguarda l’uomo, le malattie cardiovascolari sono in diminuzione, al contrario, nelle donne tra i 35 ed i 44 anni i disturbi a carico del cuore e della circolazione sono in aumento, di circa 1-2%. La causa è sempre riconducibile allo stile di vita: fumo, sovrappeso, dieta scorretta hanno infatti annullato i benefici dell’essere donna, ed in particolare quelli forniti dagli estrogeni.

Secondo l’Istat, il 50% delle donne italiane soffre di ipertensione dopo i 45 anni, in 135mila all’anno perdono la vita per malattie cardiovascolari, inoltre a 35 anni aumenta il rischio cardiovascolare in chi usa contraccettivi ormonali e soffre di ipertensione.

Alcuni studiosi della Harvard School of Public Health di boston hanno messo a punto un piano per contrastare i problemi cardiovascolari. Gli scienziati hanno studiato per più di 20 anni le abitudini quotidiane di 70mila donne con età media di 37 anni. I risultati, pubblicati sulla rivista “Journal of the American College of Cardiology”, hanno mostrato che mettendo in pratica alcune regole il rischio cardiaco scende del 92% rispetto a quando si adotta uno stile di vita scorretto.

Prima di tutto bisogna dire addio al fumo, le sigarette rappresentano un concentrato di sostanze nocive (nicotina, catrame, arsenico, formaldeide ed altri veleni) che oltre a produrre più radicali liberi fanno salire la pressione arteriosa, aumentano il livello di colesterolo cattivo, LDL, e la tendenza del sangue a coagulare. Studi passati  hanno comunque mostrato che smettere di fumare comporta un miglioramento della salute, anche se alcuni danni restano, per questo motivo sarebbe meglio non iniziare.

Per mantenere sano il cuore si dovrebbe fare più moto: l’attività fisica allena il muscolo cardiaco; sarebbe sufficiente salire le scale a piedi, andare a piedi a fare la spesa, fare lunghe passeggiate col cane. Questo è stato confermato da un gruppo di ricercatori che ha studiato per qualche mese il cuore di alcuni sportivi: essi infatti avevano ventricoli più grandi rispetto alla media, battiti rallentati e pareti del cuore più spesse.

Anche la televisione può essere dannosa per la salute, l’ideale sarebbe guardarla per non più di 50 minuti al giorno. Sempre gli studiosi di Harvard hanno dimostrato infatti che due ore al giorno di televisione aumentano del 20% il rischio di diabete di tipo 2 e del 15% la probabilità di infarto e di ictus. Il guardare la tv sottrae tempo all’attività fisica, favorisce un’alimentazione scorretta ed indebolisce il cuore.

Sono da preferire gli alimenti integrali, la frutta e la verdura che sono ricchi di fibre ed agiscono come spazzini, favorendo l’eliminazione dei grassi in eccesso nel sangue e nelle tossine.  Al contrario, il consumo di carne dev’essere ridotta. Anche il consumo di bevande alcoliche dev’essere limitato, gli esperti dicono che l’ideale sarebbe il consumo di una bevanda alcolica alla settimana. Secondo un recente studio condotto in Pennsylvania, coloro che consumano il 17% in meno di alcool la settimana hanno una riduzione di circa il 10% del rischio di malattia coronarica, pressione sanguigna più bassa e peso più equilibrato.

La coesistenza di abitudini quali fumo, scarsa attività fisica, costante stress e fattori di rischio (alto colesterolo, es) è più facile andare in contro a malattie cardiovascolari.

 

Piccoli accorgimenti per proteggere il cuore delle donne ultima modifica: 2015-02-19T16:08:10+00:00 da Serena Bodei
Bio Autore

Serena Bodei

Da anni attiva nel mondo dell'informazione, scrive per Dimensione Medica dal 2014.

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *