Per avere braccia al top anche dopo i 45 anni

2656 visualizzazioni Scrivi un commento

Prima o poi in tutte le donne, in genere dopo i 45-50 anni, le braccia iniziano ad ingrossarsi e a perdere tono. Tutto questo è purtroppo dovuto all’accumulo di grasso, alla lassità cutanea e alla carenza di elasticità della pelle. Per ovviare a questo bisogna ricorrere a cure estetiche mirate
Dal 2000 a oggi, secondo le stime ufficiali, il numero degli interventi per rimodellare e ridefinire le braccia sarebbe cresciuto del 4.4%, passando da 300 operazioni l’anno alle attuali 15 mila per un giro d’affari di 61 milioni di dollari. In caso di braccia grosse, cadenti e raggrinzite si può ricorrere al lifting della zona, un’operazione che viene fatta in anestesia generale, che porta a risultati definitivi, ma con un costo che va dai 5000 euro in su; in caso di situazioni meno gravi si preferisce ricorrere a trattamenti mini invasivi di radiofrequenza (effetto lifting cutaneo, drenante e tonificante) oppure alla biostimolazione (migliora tono ed elasticità cutanea con la somministrazione di sostanze benefiche), utili per rassodare i tessuti, ridefinire la zona e favorire l’eliminazione dei piccoli accumuli adiposi di troppo.
La radiofrequenza medicale si basa sull’uso di un manipolo che emette onde elettromagnetiche che convogliano calore, favorendo una migliore ossigenazione cutanea e stimolando la produzione di collagene ed elastina. Si consigliano almeno 5 sedute (130 euro circa ciascuna) a cadenza settimanale o quindicinale, i miglioramenti saranno apprezzabili dopo almeno un mese.
La biostimolazione sono indicate in caso di cedimento cutaneo, vengono iniettate nel derma delle sostanze ad azione tonificante e rassodante (colina e Dmae, ad esempio vanno a stimolare il tono muscolare). Possono essere necessarie più sedute (il costo di ciascuna può andare da 150 a 200 euro) anche se i benefici si vedono già dopo le prime, gli effetti però scompaiono dopo qualche mese.
Inoltre, il dott. Sergio Noviello, chirurgo estetico e direttore sanitario di Milano Estetica, introduce una novità per risolvere il problema delle braccia cadenti che rappresenta una valida alternativa, molto soft e poco invasiva all’intervento chirurgico, è il cosiddetto lifting invisibile: vengono inseriti sottocute dei fili riassorbibili sottilissimi in acido polilattico, come i fili di sutura, o costituiti da un mix di sostanze naturali, che hanno una funzione di ristrutturazione della pelle in quanto stimolano la produzione di collagene. L’effetto lifting è dato dal sollevamento della pelle a opera dei coni bidirezionali in acido glicolico, anch’essi riassorbibili e morbidissimi, che servono per l’ancoraggio dei tessuti. Questo trattamento viene eseguito in ambulatorio in anestesia locale in solo mezz’ora di tempo, ed i costi partono dai 3000 euro. I risultati sono immediatamente visibili e già dal giorno successivo è possibile riprende le normali abitudini quotidiane, evitando solo gli sforzi eccessivi.
Sicuramente i sotto citati non saranno rimedi in fallibili, ma sarebbe sempre meglio attuare una sorta di prevenzione: applicare ogni giorno una crema idratante ed elasticizzante, mediante un accurato massaggio rotatorio; essere costanti nello sport e nella vita quotidiana fare attenzione a distribuire pesi tra le braccia.

 

Per avere braccia al top anche dopo i 45 anni ultima modifica: 2014-12-31T17:36:59+00:00 da Serena Bodei
Bio Autore

Serena Bodei

Da anni attiva nel mondo dell'informazione, scrive per Dimensione Medica dal 2014.

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *