Parco nazionale dei laghi di Plitvice

1326 visualizzazioni Scrivi un commento

Sedici laghi in successione collegati tra loro da cascate, circondati da una foresta ancora vergine di faggi, abeti e di specie vegetali incredibili, questo è il parco più famoso della Croazia e si trova nel complesso montuoso di Lička Plješivica. Il parco è uno dei più visitati d’Europa ed riconosciuto e classificato (dal 1979) Patrimonio mondiale dell’Umanità dall’Unesco; grazie alla sua straordinarietà, questo meraviglioso paesaggio appartiene alle più affascinanti bellezze naturali in tutta l’Europa.
Il Parco nazionale dei laghi di Plitvice occupa una superficie di 33.000 ettari e si trova per il 90,7% nella regione della Lika e di Segna e per la parte restante nella regione di Karlovac.
I laghi del parco sono formati da due fiumi: il Fiume Bianco ed il Fiume Nero, che confluiscono nel fiume Korana; le acque di questi fiumi sono ricche di sali calcarei (soprattutto carbonato di calcio e di magnesio), provenienti dalla dissoluzione delle rocce carbonatiche costituenti la struttura geologica del sito. Questi sali vengono fatti precipitare dalla vegetazione, formando degli strati di travertino, una roccia sedimentaria recente. Col passare del tempo, questi depositi formano delle vere e proprie dighe naturali che fungono da sbarramenti per l’acqua, crescendo di circa un centimetro ogni anno. Ad un certo punto la pressione dell’acqua rompe questi argini naturali, aprendosi nel terreno nuovi percorsi. Questo meccanismo, in realtà comune a tutte le acque calcaree, a Plitvice ha assunto una particolare importanza.
I laghi si suddividono in laghi superiori (Gornja jezera) e laghi inferiori (Donja jezera) e Kozjak è il lago di maggiore estensione e profondità (massima di 47 metri). Il parco infatti si divide pressappoco in due parti: la parte superiore i cui laghi si trovano in una valle dolomitica circondati da foreste e collegati da spettacolari cascate e la parte inferiore dove si possono vedere laghi più piccoli e vegetazione più bassa. Nella zona vivono numerose specie animali, tra cui orsi, lupi, cinghiali, volpi e tassi, e diverse specie di uccelli. Il Parco dei Laghi di Plitvice è famoso per le 22 specie vegetali protette, tra esse la più importante è la Scarpetta di Venere, l’orchidea più bella d’Europa. Inoltre, è presente anche la mala mješinka, una pianta carnivora acquatica rarissima.
Non tutte le aree sono accessibili ai visitatori, ma ci sono tanti chilometri di percorsi verdi e di ponticelli di legno a disposizione, adatti all’esplorazione e alle passeggiate in mezzo alla natura. All’interno del parco è possibile spostarsi a piedi, in bici, con la barca o con un trenino. Le possibilità di alloggio sono offerte da alcuni alberghi e campeggi nei villaggi che circondano il parco, dove è possibile trovare anche numerose camere da privati. Oltre ai trenini, vi sono anche i traghetti elettrici che navigano per il lago di Kozjak collegando così i Laghi Inferiori con i Laghi Superiori.
Il parco dista 215km da Trieste e il biglietto di ingresso (che comprende tutti i trasporti all’interno del parco) costa circa 70kn in bassa stagione e 110kn in alta stagione con lo sconto del 50% per ragazzi di 7-18 anni mentre è gratis per bambini sotto 7 anni. Il periodo migliore per la visita è maggio/giugno, quando i laghi sono carichi d’acqua e alberi e fiori in pieno rigoglio.

Parco nazionale dei laghi di Plitvice ultima modifica: 2015-03-26T10:57:42+00:00 da Serena Bodei
Bio Autore

Serena Bodei

Da anni attiva nel mondo dell'informazione, scrive per Dimensione Medica dal 2014.

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *