Pancia piatta dopo il parto

1389 visualizzazioni Scrivi un commento

 

Capita spesso dopo il  parto  di vedere la pancia rilassata e di temere che non possa più ritornare come prima. Se non c’è stata una diastasi addominale importante e quindi i muscoli retti addominali non si sono distanziati moltissimo (in caso contrario sarebbe bene indossare una pancera che consente di avvicinare i due lembi muscolari), esercizi mirati e costanza potranno risolvere il problema. Solitamente dopo 40 giorni dal parto, anche se è bene avere l’ok da parte del ginecologo, è possibile riprendere l’attività fisica.

Una volta diventate mamme è importante riprendere l’attività fisica, con serenità e sicurezza; esistono esercizi mirati per ritrovare la forma fisica.

Prima di tutto è necessario rinforzare gli addominali con esercizi semplici. Prima di iniziare qualsiasi attività è bene riscaldarsi per almeno 10 minuti con un po’ di lavoro aerobico: cyclette, step, tapis roulant o camminata sul posto.

Successivamente si può procedere con gli esercizi veri e propri. Prima di tutto, in posizione supina, con le ginocchia piegate ed i piedi a terra, mani dietro la  nuca, contraendo gli addominali, si alzano le spalle e si ritorna a terra. E’ importante eseguire gli esercizi in modo corretto prestando attenzione al lavoro degli addominali e cercando di non contrarre la zona cervicale. Questo esercizio dev’essere ripetuto 20 volte e ne devono essere effettuate 3 serie. E’ bene comunque non strafare e nel momento in cui si dovesse provare fatica sarebbe meglio rallentare i ritmi.

Nell’esercizio successivo, rimanendo con la schiena a terra, vengono eseguite gli addominali in 3 tempi: sempre sdraiate supine con le gambe a squadra e la schiena ben aderente al terreno. Si scendete con la  gamba  destra, poi anche la sinistra per poi riportarle contemporaneamente  alla posizione di partenza. L’esercizio dev’essere ripetuto 10 volte iniziando con la gamba destra e poi altre 10 con la gamba sinistra. E’ consigliabile, in caso di  mal di schiena, utile mettere le mani sotto ai glutei.

Quando si riusciranno a svolgere gli esercizi precedenti senza fare tanta fatica, se ne potranno aggiungere altri. Per far lavorare i muscoli addominali obliqui: gambe divaricate, ginocchia leggermente piegate, glutei e addominali contratti, gomiti piegati altezza delle spalle, senza ruotare il bacino, si gira il busto verso destra e poi verso sinistra alternando per 25 volte. Tre serie. Sempre per gli addominali obliqui si devono effettuare delle flessioni laterali del busto incrociando le gambe e flettendo il busto prima a destra per 10 volte, poi a sinistra per altre 10 volte e successivamente alternate.

Come ultimo esercizio, sempre da supine si eseguono delle sforbiciate scendendo con la gamba destra, e alternando. Ripetete 20 volte per tre serie. Anche in questo esercizio, in caso compaia mal di schiena è utile mettere le mani sotto ai glutei.

Al termine della sessione di allenamento si può concludere con 10 minuti di aerobica e 5 minuti di stretching. Per avere risultati è necessario esercitarsi almeno 3 volte a settimana.

 

Pancia piatta dopo il parto ultima modifica: 2015-01-26T14:12:35+00:00 da Serena Bodei
Bio Autore

Serena Bodei

Da anni attiva nel mondo dell'informazione, scrive per Dimensione Medica dal 2014.

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *