Otturazioni dentarie, un pericolo oppure no?

1712 visualizzazioni Scrivi un commento

Gli esperti dello Scher, Comitato Europeo sulla salute e i rischi ambientali, hanno dichiarato che l’amalgama usato per le otturazioni dentarie, sarebbe tossico nel momento in cui si disperde nell’ambiente, quindi quando le vecchie otturazioni vengono tolte e gettate. E’ quindi ragionevole chiedersi come un materiale tossico possa essere sicuro e non creare problemi all’organismo quando è nella nostra bocca. Il materiale più utilizzato da oltre un secolo dai dentisti di tutto il mondo per curare la carie è rappresentato dall’amalgama d’argento (una miscela di argento, mercurio liquido, zinco, rame, stagno). I vantaggi nel suo utilizzo erano dati dalla garanzia di avere una buona sigillatura della carie che dura a lungo e un basso costo. Gli svantaggi sono dati dal colore, grigio scuro, che non si mimetizza con il bianco dei denti, per questo veniva utilizzato soprattutto per curare la carie dei denti più nascosti, in modo da ridurre al minimo l’impatto estetico; e dalla tossicità del mercurio sull’organismo, un effetto noto da tempo. Per lo stesso motivo sono stati tolti dal commercio anche i vecchi termometri a mercurio.
I dentisti hanno notato che in seguito alla rimozione della vecchia otturazione in amalgama, si sono verificati fenomeni di tossicità locale sulla polpa dentale. Non esistono però nette evidenze scientifiche, per adesso esiste “il sospetto”. L’Organizzazione Mondiale della Sanità e l’American Dental Association ritengono che l’organismo, paradossalmente possa venire più in contatto col mercurio mediante l’assunzione di cibi inquinati piuttosto che con le otturazioni. Gli esperti hanno solo sconsigliato l’utilizzo di questo tipo di otturazioni in bambini e in donne incinte. Al momento sono stati proposti numerosi materiali alternativi: soprattutto sostanze a base di resine organiche, silicio, cristalli di quarzo, tutti materiali biocompatibili che non sembrano avere effetto sull’organismo. Ovviamente adesso non bisogna “correre” dal dentista per farsi sostituire le vecchie otturazioni, in quanto, come detto in precedenza è proprio la loro rimozione ad essere pericolosa; bisognerebbe avere l’accortezza, in caso di nuove otturazioni, di chiedere allo specialista l’utilizzo dei nuovi materiali biocompatibili.

Otturazioni dentarie, un pericolo oppure no? ultima modifica: 2014-07-24T09:53:18+00:00 da Serena Bodei
Bio Autore

Serena Bodei

Da anni attiva nel mondo dell'informazione, scrive per Dimensione Medica dal 2014.

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *