Oil pulling per la salute della bocca e non solo

198 visualizzazioni Scrivi un commento

L’oil pulling è un’antica pratica della medicina ayurvedica che dà immensi benefici alla salute orale e di tutto il corpo. In alcune zone dell’Asia è diffusa una procedura simile a quella che prevede l’utilizzo del collutorio dopo aver lavato i denti, ma che al posto del collutorio utilizza olio vegetale, da scegliere tra specifiche varietà. Bisogna preferire quelli spremuti a freddo, non lavorati e senza additivi. Ci sono l’olio di cocco, quello più gradevole come sapore, che contribuisce a rafforzare le difese naturali dell’organismo, rendendolo più resistente verso le infezioni da virus, batteri e funghi; l’olio di sesamo , ricco di ferro, rame e calcio, utile per prevenire l’osteoporosi e l’olio di girasole.

Questa pratica ora si è diffusa anche nei paesi occidentali e non serve soltanto per l’igiene della bocca, ma contribuisce anche al benessere dell’intero organismo. Menzionata già nel testo ayurvedico Charaka Samhita dove si afferma che questa procedura è in grado di curare circa 30 malattie sistemiche che vanno dal mal di testa all’emicrania, al diabete e all’asma. Si tratta di un formidabile e antico rimedio naturale in grado di ripristinare e di mantenere la salute in generale.

Il metodo per praticare l’oil pulling è estremamente semplice, consiste nell’eseguire sciacqui e gargarismi dopo essersi messi in bocca un cucchiaio d’olio. Una volta venuto a contatto con i denti, le gengive e la lingua, l’olio “cattura” tutte le sostanze tossiche presenti (soprattutto funghi e batteri), che verranno eliminate quando l’olio viene sputato. Anche se l’olio viene sputato a fine risciacquo, viene assorbito in minima parte dall’organismo attraverso la lingua.

Per questa procedura sono necessari solo 15 minuti al giorno, la mattina appena alzati, ancora prima di fare colazione. Si inizia con sciacqui per un massimo di 10-15 minuti (non oltre altrimenti il suo effetto benefico svanisce in quanto riinizia l’assorbimento delle tossine e dei metalli pesanti da parte dell’organismo) con un cucchiaio di olio. Dopo questo tempo la soluzione in bocca diventa meno densa perché diluita con la saliva, questo è il momento in cui diventa necessario sputare l’olio. Una volta sputato il fluido bisogna rimuovere dalla lingua la patina tossica che si è nel frattempo formata con l’ausilio di un raschietto da lingua o un cucchiaio. Appena dopo è consigliato un veloce massaggio delle gengive praticato con il dito indice, seguito da un risciacquo di 10 secondi fatto con acqua tiepida e qualche granello di sale oppure con acqua e bicarbonato, unicamente a scopo disinfettante.

 

A trarre giovamento da questa pratica sono prima di tutto le gengive che, ripulite dalle tossine, risultano essere meno soggette a infiammazioni e a perdite di sangue. A trarre giovamento dall’oil pulling è anche l’alito: la riduzione della quantità di batteri presenti in bocca lo rende più fresco e questo effetto si protrae per tutta la giornata. Per quanto riguarda la salute di denti e gengive gli sciacqui a base di collutorio o di olio offrono bene o male gli stessi risultati, quello che possiamo dire è che l’azione del collutorio è limitata alla bocca. L’oil pulling ha degli effetti positivi anche sul resto del corpo. Il principale beneficio risulta essere quello dell’espulsione di funghi e batteri; inoltre, il numero inferiore di batteri produce una minore quantità di tossine in circolo che giova all’intero organismo. Facendo dell’oil pulling una pratica quotidiana miglioreranno le condizioni delle articolazioni, dei vasi sanguigni e degli organi interni, soprattutto del fegato. Preservando il benessere dell’organismo sembra che ricopra un importante ruolo nella prevenzione di numerosi disturbi: mal di testa, bronchiti, trombosi, malattie croniche del sangue, artrite e altre malattie reumatiche, eczemi, ulcere dello stomaco, malattie croniche intestinali, malattie cardiache, malattie ginecologiche, malattie neurologiche, malattie del fegato. Questo è quanto affermato dal Dott. F. Karach.

Oil pulling per la salute della bocca e non solo ultima modifica: 2017-09-11T18:30:59+00:00 da Serena Bodei
Bio Autore

Serena Bodei

Da anni attiva nel mondo dell'informazione, scrive per Dimensione Medica dal 2014.

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *