Monsplasty, la nuova mania

1712 visualizzazioni Scrivi un commento

Fenomeni di moda come la richiesta di interventi abbastanza “bizzarri” “nascono spessissimo sui social, dove la pubblicazione di selfie per mostrarsi al meglio è sempre più diffusa. Ci sono centinaia di forum dove le donne parlano delle loro insicurezze, mostrando foto di presunti inestetismi. Poi c’è chi comincia a proporre una eventuale soluzione per un difetto fisico, e quella soluzione diventa un trend, una moda da seguire. Al giorno d’oggi le giovani sono in cerca della continua perfezione andando a scovare parti del corpo da sottoporre a trattamenti di chirurgia estetica in maniera estrema e a volte inopportuna.
Negli Stati Uniti spopola, soprattutto fra le più giovani, il Monsplasty, una nuova tecnica per ridurre il grasso sul pube femminile; un vero e proprio intervento di chirurgia estetica che interessa la zona nota come Monte di Venere. E’ il dottor Basoccu, chirurgo plastico, estetico e ricostruttivo, docente a Tor Vergata e responsabile della Divisione di Chirurgia Plastica dell’Ini (Istituto Neurotraumatologico Italiano) a parlare di questa nuova “moda”: l’intervento di chirurgia estetica per ridurre il grasso nella zona del pube. Un tipo di intervento che in Italia si fa associato all’addominoplastica soprattutto inferiore. In genere, questo intervento è necessario quando, con l’aumento di peso, quest’area prende molto volume, o anche in seguito a una gravidanza. Con la perdita di peso successiva si forma in questa zona un rilassamento della pelle e grazie all’intervento si va ad eliminare quella in eccesso. Per il chirurgo, in Italia ci sono richieste di Monsplasty, ma la maggior parte è legata alla necessità di un intervento dopo un accumulo di peso sull’addome per poi coinvolgere anche il pube.
In USA però, l’intervento di Monsplasty è richiesto soprattutto dalle ragazze, perché la moda quest’anno punta ad avere quella zona intima, visibile anche con il bikini, particolarmente piatta. Negli Stati Uniti è già boom.

 

Monsplasty, la nuova mania ultima modifica: 2015-03-10T16:56:45+00:00 da Serena Bodei
Bio Autore

Serena Bodei

Da anni attiva nel mondo dell'informazione, scrive per Dimensione Medica dal 2014.

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *