#Milioni di passi

745 visualizzazioni Scrivi un commento

“Immagina di dover lasciare il tuo paese, il tuo luogo di nascita, la tua casa. Immagina di dover partire per paura che tu, la tua famiglia o i tuoi amici possiate essere uccisi. Immagina di camminare per giorni, settimane o mesi nel deserto o nella neve, o di attraversare il mare agitato dentro un gommone in cerca di un posto sicuro”. #Milionidipassi: le scarpe di chi fugge dalla guerra e dalla violenza. Cosa resta a un uomo, a una donna, a un bambino che ha perso tutto? Il suo corpo, i suoi abiti. E, se è fortunato, le sue scarpe.
Questo incubo è la realtà per più di 51 milioni di persone nel mondo, costrette a fare milioni di passi per sopravvivere. Di questi, 16 milioni sono rifugiati, più di 33 milioni sfollati interni e circa 1,2 milioni richiedenti asilo. Avevano tutti una vita normale, molti di loro avevano un lavoro. Hanno dovuto lasciare tutto perché intrappolati in un conflitto o una guerra. Non hanno avuto altra scelta se non fuggire perché attaccati o minacciati.
Camminare è piacevole e salutare, ma farlo per scappare da miseria e guerra è una tragedia. L’Associazione umanitaria Medici senza frontiere (Msf) sostiene il viaggio di tante persone in fuga da situazioni di estremo disagio e pericolo, alla ricerca di un posto sicuro dove fermarsi. Attraverso le immagini delle scarpe dei migranti, consumate dal lungo cammini, Msf vuole puntare l’attenzione su questo dramma umano e racconterà per tutto l’anno anche le storie dei propri operatori. Con l’iniziativa “shoeselfie” chiede a tutti di partecipare, inviando una foto ed un messaggio dedicato.
Spingere a uno sguardo più partecipe che recuperi il filo di quella dignità, ma anche fare pressione sui governi è lo scopo della campagna #Milionidipassi, che per tutto il 2015 attraverso spot televisivi, eventi (quello di lancio coinvolge gli attori Valerio Mastandrea e Laura Morante) e iniziative sui social network utilizzerà la metafora dei passi per “farsi sentire”.

 

#Milioni di passi ultima modifica: 2015-06-02T19:50:19+00:00 da Serena Bodei
Bio Autore

Serena Bodei

Da anni attiva nel mondo dell'informazione, scrive per Dimensione Medica dal 2014.

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *