Mandorle un aiuto per il cuore e la linea

1239 visualizzazioni Scrivi un commento

Le mandorle sono fra gli ingredienti tipici della dieta mediterranea, e fanno parte della tradizione culinaria per le ricette più varie. Ma le mandorle sono anche e soprattutto uno “spezzafame” gustoso, sano, con mille qualità insospettabili e questo è possibile grazie alla capacità delle mandorle di ridurre il senso di fame e favorire la sazietà. Stando ad alcuni studi sull’argomento presentati all’ultimo congresso dell’American Society of Nutrition, uno spuntino a base di mandorle, infatti, fra le altre cose, aiuta a tenere sotto controllo la glicemia e anche il girovita. Nella ricerca sono state studiate le abitudini di circa 25mila statunitensi dimostrando che il consumo regolare di questo tipo di frutta secca si associa a una di nutrienti sani e a un’alimentazione più equilibrata. Uno studio sui diabetici ha documentato che circa 40 grammi al giorno di mandorle aiutano a tenere sotto controllo l’appetito, abbassano un po’ la glicemia e non fanno ingrassare; un’indagine condotta su pazienti con il colesterolo alto ha provato che la stessa quantità di mandorle, mangiata al di fuori dai pasti principali, riduce il girovita e non ha effetti sul peso, al contrario di uno spuntino con le stesse calorie ma ricco di carboidrati.
Il segreto sta nella moderazione, infatti, secondo il dottor Caretto, responsabile dell’Unità di endocrinologia, malattie metaboliche e nutrizione clinica dell’ospedale di Brindisi e segretario dell’Associazione Italiana di Dietetica e Nutrizione Clinica (ADI), bisogna riuscire a controllarsi con le dosi: con 30-35 grammi corrispondono a 200 calorie. Tuttavia, in un’alimentazione equilibrata uno snack a base di mandorle non fa ingrassare, anzi: come confermano questi ultimi studi, proprio se consumate lontano dai pasti principali le mandorle migliorano parametri metabolici che si alterano nella fase della digestione, per esempio la glicemia. La “giusta quantità” di mandorle è dunque, secondo gli esperti, pari a circa 40 grammi al giorno, suddivisi magari in uno spuntino al mattino e in uno da consumare al pomeriggio: è questo l’amministrazione che sembra offrire i maggiori vantaggi. Lo conferma anche una sperimentazione che ha coinvolto alcune donne in gravidanza, dimostrando come lo spuntino con la frutta secca aiuti a contenere l’aumento di peso durante i nove mesi dell’attesa.

Mandorle un aiuto per il cuore e la linea ultima modifica: 2014-08-16T09:34:52+00:00 da Serena Bodei
Bio Autore

Serena Bodei

Da anni attiva nel mondo dell'informazione, scrive per Dimensione Medica dal 2014.

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *