Lo Zumba fa bene al cuore

1758 visualizzazioni Scrivi un commento

Una recente ricerca dell’American Council on Exercise, di San Diego, che si occupa di certificare e preparare gli istruttori di fitness, ha affermato che il famoso mix di balli, oltre a tonificare, è efficace per il sistema cardiovascolare. Secondo questo studio, lo Zumba permette di allenarsi ad un battito cardiaco che, anche se con qualche leggera oscillazione, si mantiene sempre sotto l’80% della frequenza massima. Da poco è stata avviata una collaborazione tra Zumba e la Onlus dell’Anmco (Associazione Nazionale Medici Cardiologi Ospedalieri) “Per il tuo cuore”, per promuovere strategie di prevenzione delle malattie cardiovascolari. Secondo il presidente dell’Anmco, il professor Gulzia, uno dei fattori di rischio per le malattie cardiovascolari è l’aumento del peso corporeo: pericolosi sono gli accumuli di grasso a livello del girovita, che possono favorire la sindrome metabolica, una patologia strettamente correlata all’infarto e all’ictus cerebrale. E’ a questo punto che entra in gioco lo Zumba: per ogni minuto di questa attività aerobica si ha un consumo di 9.5 calorie; questa attività permette di bruciare i grassi introdotti in eccesso. L’alternanza di ritmi lenti e veloci costringe il cuore a benefiche accelerate; anche i vasi sanguigni trovano giovamento da questo, grazie all’effetto pompa del cuore si abituano a ricevere più sangue, migliorando anche lo scambio gassoso ossigeno-anidride carbonica. Inoltre, non bisogna dimenticare che il cuore è un muscolo, più lo alleni più si mantiene in forma. I problemi cardiaci non sono comunque una prerogativa del sesso maschile, le donne non sono immuni dal rischio di infarto e angina pectoris, soprattutto dopo la menopausa, quando viene a mancare la protezione ormonale, anche lo stress non è da sottovalutare, è un nemico del cuore. Zumba ha una sola regola: no stress!
Via libera quindi ad una medicina salva-cuore divertente e priva di effetti collaterali.

Lo Zumba fa bene al cuore ultima modifica: 2014-07-30T09:51:17+00:00 da Serena Bodei
Bio Autore

Serena Bodei

Da anni attiva nel mondo dell'informazione, scrive per Dimensione Medica dal 2014.

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *