L’isola di conchiglie

1125 visualizzazioni Scrivi un commento

 

Joal-Fadiouth è un piccolo villaggio di pescatori che si trova all’estremità di Petite Côte, in Senegal. Il villaggio è diviso in due parti: Joal è la parte di villaggio sulla costa, mentre  Fadiouth  è la parte sull’isola, collegata da un ponte di legno lungo 400 metri.

Ma quello che rende unico il villaggio di Fadiouth è che è completamente ricoperto di conchiglie: gli abitanti le hanno raccolte per secoli, mangiando l’animale ed usando i gusci per costruire praticamente qualunque cosa dalle case ai cimiteri ed altri edifici , formati da conchiglie compresse con il fango. L’isola di conchiglie è diversa, diversa da tutte le altre città e villaggi in Senegal. Prima di tutto perché qui la maggioranza della popolazione è cristiana e al posto dei minareti sopra i tetti svettano i campanili, con le croci colorate e le luci intermittenti; poi al posto dei volti dei califfi delle confraternite islamiche ci sono edicole con Sant’Antonio e Maria Vergine. Inoltre è diversa proprio per le conchiglie, c i si cammina sopra, come fosse ghiaia; l’isola ne è piena e, scavando, si trovano conchiglie fino a cinque metri di profondità.

Tutta l’isola è oggi ricoperta di conchiglie, compreso il cimitero che è diventato una meta turistica per il suo aspetto incredibile: tutto il paesaggio è ricoperto di conchiglie, da cui spuntano qualche albero e qualche lapide. Il cimitero ha anche un’altra particolarità: è l’unico cimitero in Senegal dove sono sepolti sia cristiani che musulmani; gli abitanti di Fadiouth Island sono per lo più cristiani, ma hanno anche una significativa popolazione islamica e la comunità affiatata e riesce a creare un clima di tolleranza religiosa.

Qua e là tra le tombe spuntano enormi baobab e piccoli arbusti mentre l’isola è circondata dalle mangrovie sulle radici delle quali crescono le prelibate ostriche del Senegal.

 

L’isola di conchiglie ultima modifica: 2014-11-14T11:09:02+00:00 da Serena Bodei
Bio Autore

Serena Bodei

Da anni attiva nel mondo dell'informazione, scrive per Dimensione Medica dal 2014.

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *