Lifting non chirurgico con fili riassorbibili

1522 visualizzazioni Scrivi un commento

Una delle principali novità del 35°Congresso della Società Italiana di Medicina Estetica (SIME) che si è svolto a Roma lo scorso maggio è rappresentata da speciali fili che si iniettano appena sotto pelle, nel viso con un piccolo ago per risollevare e rialzare le parti rilassate come guance cadenti, collo. L’ intervento chirurgico con i fili di sospensione serve a ringiovanire il viso-collo senza cicatrici visibili: è un intervento di chirurgia estetica plastica mini-invasivo. Mettendo in trazione verso l’alto la cute con questi fili si ha un’attenuazione delle pieghe e delle rughe ed un ringiovanimento assolutamente naturale ed invisibile del viso, senza gli svantaggi di un intervento (anestesia, ricovero, periodo postoperatorio, costi elevati, ecc). I medici riuniti al congresso assicurano che i nuovi fili sostituiranno il bisturi, e si ipotizza che questi fili saranno presto disponibili anche per risollevare zone del corpo come seno, cosce e interno braccia, aree ritenute da sempre difficili da trattare.

Il principio su cui si basano è quello di stimolare i tessuti affinché, producendo collagene, la pelle possa avere degli effetti di rassodamento e ringiovanimento. L’innovazione portata da questi fili sta nella loro duplice efficacia: da una parte possono essere impiegati nella trazione dei tessuti, infatti, attraverso dei microconi che alcune tipologie di fili hanno, è possibile ottenere un senso di trazione opposto alle due estremità del filo; dall’altra, danno soprattutto un contributo significativo nella rigenerazione stessa dei tessuti, infatti, la sostanza di cui sono composti è assolutamente biocompatibile e biodegradabile e capace di stimolare il derma a produrre un’aumentata quantità di collagene, inoltre agisce in maniera significativa sulla microvascolarizzazione.

L’effetto è di un sensibile rassodamento dei tessuti, con l’eliminazione delle piccole rughe del viso o il rassodamento di aree che tendono a svuotarsi come l’interno coscia e il braccio. I fili hanno un ampia modulabilità: così l’intervento che viene effettuato è ancora di più calibrato sulle richieste e sulle caratteristiche del paziente. Tipologia di filo, quantità e posizionamento possono dare adito ad una serie di combinazioni che rispondono in modo ottimale alle caratteristiche della persona. Un trattamento richiede circa 30-40 minuti e non ha effetti collaterali, anche se, in alcuni casi, si osserva l’insorgenza di piccoli ematomi dovuti all’ago. Il trattamento è praticamente indolore e necessita solo di piccole quantità di anestetico locale nei punti di entrata e uscita dei fili. Dopo il trattamento il paziente può riprendere al massimo in due giorni le sue normali attività, potrà persistere solo un leggero gonfiore che scompare dopo poche ore. I medici assicurano che i fili, realizzati in materiali riassorbibili (acido ialuronico e acido polilattico, due sostanze ampiamente utilizzate in medicina estetica), verranno eliminati lentamente dal corpo nel giro di alcuni mesi fino a due anni, ma l’effetto di tonificazione della cute incrementato grazie alla produzione di collagene, acido ialuronico e elastina continuerà a permanere, per alcuni mesi, anche dopo la scomparsa dei fili.

Lifting non chirurgico con fili riassorbibili ultima modifica: 2014-06-27T17:29:14+00:00 da Serena Bodei
Bio Autore

Serena Bodei

Da anni attiva nel mondo dell'informazione, scrive per Dimensione Medica dal 2014.

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *