Le stelle della ricerca

678 visualizzazioni Scrivi un commento

 

L’Associazione Italiana contro le Leucemie-linfomi e mieloma (AIL) è stata costituita a Roma nel 1969. La sua missione è quella di promuovere e sostenere la ricerca scientifica; migliorare la qualità della vita dei malati e dei loro familiari, sensibilizzare l’opinione pubblica alla lotta contro le malattie del sangue.

L’AIL pone al centro della sua attività il malato e lo affianca nel lungo e spesso sofferto percorso della malattia, ne sostiene la famiglia e le persone a lui care.

I fondi raccolti dall’AIL permettono alla Ricerca di evolversi, fanno si che i pazienti e i loro familiari abbiano l’adeguata accoglienza e consentono la formazione di tutte le figure fondamentali che ruotano intorno alla malattia.  Attraverso GIMEMA (Gruppo Italiano Malattie EMatologiche dell’Adulto), un gruppo cooperativo no-profit, composto da oltre 140 Centri di Ematologia presenti su tutto il territorio nazionale, l’AIL finanzia la ricerca. Inoltre, sostiene la formazione e l’aggiornamento di medici, biologi, infermieri e tecnici di laboratorio tramite l’erogazione di borse di studio, prestazioni professionali e contratti di lavoro a tempo determinato e indeterminato. L’Associazione realizza le case AIL nei pressi dei maggiori Centri ematologici per ospitare i pazienti che devono affrontare i lunghi periodi di cura, assistiti dai familiari.

Alzando gli occhi al cielo possiamo guardare le stelle ed esprimere i nostri desideri. Esistono delle stelle che a Natale possono fare miracoli e sono le “Stelle” dell’AIL. Grazie alle Stelle, infatti, l’AIL è divenuta una delle Associazioni non profit più importanti del Paese.

Ogni primo weekend di dicembre, quest’anno sabato 6 e domenica 7, le stelle di Natale tornano a spuntare in migliaia di piazze italiane. In ogni stella di Natale c’è la gioia e la speranza e l’allegria. Dietro quelle stelle di Natale ci sono nascoste delle storie di vita; storie uguali e diverse. Sono stelle di Natale speciali che raccontano storie speciali. Dietro quelle stelle di Natale si celano strette di mano e abbracci forti; visi e sguardi che non dimenticherai mai, bimbi e vecchi, uomini e donne accomunati dallo stesso dolore e dallo stesso desiderio. Dietro quelle stelle ci sono, velate, paure e lacrime, ma più di tutto l’attaccamento profondo alla vita.

Dal 1989, le Stelle sono protagoniste nelle più importanti piazze d’Italia; oltre a diventare una vera e propria icona dell’Associazione, hanno contribuito a finanziare la ricerca scientifica e l’assistenza per il malato. Tutto ebbe inizio, nel 1985, grazie ad un’intuizione della dottoressa Di Filippo Scali, presidente dell’AIL di Reggio Calabria che, cercando fondi per dei macchinari, ha cominciato a vendere le prime Stelle. L’idea fu apprezzata, e quattro anni più tardi scesero in piazza le altre Sezioni dell’AIL. Anno dopo anno, l’Associazione si è impegnata ad incrementare la presenza sul territorio e con essa la vendita delle Stelle.

 

Le stelle della ricerca ultima modifica: 2014-12-01T14:13:43+00:00 da Serena Bodei
Bio Autore

Serena Bodei

Da anni attiva nel mondo dell'informazione, scrive per Dimensione Medica dal 2014.

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *