L’arte di fare la spesa

651 visualizzazioni Scrivi un commento

Niente è casuale nell’organizzazione di un supermercato, ci sono strategie di marketing mirate per indurre all’acquisto: i prodotti che si vogliono vendere di più sono sugli scaffali all’altezza degli occhi, di solito gli alimenti di uso quotidiano, come il sale e lo zucchero, si trovano nascosti in qualche angolo, così il consumatore è costretto a percorrere e ripercorrere le varie corsie per trovarli. Il reparto ortofrutta in genere si trova all’ingresso, creando un ambiente familiare, rassicurano e rilassano fino a far rallentare favorendo l’acquisto. Ogni cosa è disposta in modo da mettere il consumatore a suo agio. Come detto, la disposizione dei prodotti negli scaffali può influenzare nettamente l’attenzione nei processi di consumo. Quelli posti nelle parti degli scaffali più difficili da raggiungere, le più alte o le più basse, saranno considerati meno, al contrario, ad altezza occhi ci saranno i prodotti delle marche più costose. Anche la scelta della musica orienta all’acquisto: la musica condiziona i circuiti cerebrali del movimento e delle emozioni. I suoni possono influenzare i centri del piacere coordinati dalla dopamina. Solitamente il supermercato propone brani che spingono all’acquisto impulsivo. Suoni lenti rallentano i gesti facendo aumentare il tempo di spesa, i consumatori meno veloci spendono circa il 38% in più, per questo vengono privilegiate melodie rilassanti. Nei reparti di pasticceria e panetteria ci sono profumi di burro, biscotti, pane appena sfornato, le fragranze attirano molto l’attenzione: l’olfatto è collegato al sistema limbico, centro della via emozionale. L’utilizzo degli odori distrae la parte razionale della mente e può spingerci ad indugiare di fronte agli scaffali. E’ molto importante fare attenzione anche promozioni, coupon e sconti, il loro compito è quello di attirare l’attenzione sul prodotto, di incutere un senso di urgenza e scarsità e di trasmettere l’idea di convenienza. A volte gli sconti sono applicati su prodotti il cui prezzo in precedenza era stato maggiorato oppure su prodotti in scadenza, attenzione quindi soprattutto per i prodotti ad uso alimentare. Per non cadere “in trappola” quando si fa la spesa è utile fare una lista e attenersi rigorosamente a quella; se si vuole comprare qualcosa che non è segnato nella lista, chiedersi se serve veramente; non cedere agli acquisti impulsivi; andare al supermercato a stomaco pieno e con il denaro appena sufficiente per comprare quello che serve e che è scritto nella lista; evitare di portare bambini che potrebbero far comprare cose di cui non abbiamo realmente bisogno.

L’arte di fare la spesa ultima modifica: 2014-07-31T09:59:03+00:00 da Serena Bodei
Bio Autore

Serena Bodei

Da anni attiva nel mondo dell'informazione, scrive per Dimensione Medica dal 2014.

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *