L’anosmia e lo stop alla percezione degli odori

626 visualizzazioni Scrivi un commento

Secondo l’American Foundation, sono circa 2 milioni gli americani che soffrono di anosmia, ossia dell’incapacità di percepire gli odori (il termine deriva dal greco ànosmos che significa senza odore). L’anosmia differisce dalla disosmia, che è la percezione errata degli odori e dalla iposmia che è la riduzione della capacità olfattiva.
L’anosmia può essere transitoria o permanente, congenita o acquisita e consegue, di solito, a malattie di tipo respiratorio, in particolare a carico del tratto nasale. Può essere causata, ad esempio, da una semplice influenza (il virus dell’influenza provoca uno stato infiammatorio locale che, quando è molto forte, o non è ben curato, può danneggiare le cellule) o dalla rinite cronica (con aumento delle secrezioni nasali ed infiammazione della mucosa interna del naso). La perdita totale dell’olfatto può anche essere causata da un trauma cranico, dalla Malattia di Parkinson, dalla Malattia di Alzheimer e da alcune neoplasie cerebrali che si sviluppano a livello dell’area deputata alla codificazione degli stimoli olfattivi.
L’anosmia può essere dovuta anche alla deviazione del setto nasale, che può essere bloccato. La deviazione può essere dovuta ad un incidente o ad un trauma, che ha lasciato all0interno del setto, frammenti ossei o aderenze dovute a cicatrici. Possono provocare un’ostruzione meccanica anche i polipi al naso.
Quando l’anosmia è causata da raffreddori, allergie o sinusiti l’anosmia si risolve da sola nell’arco di pochi giorni, oppure ricorrendo a farmaci decongestionanti. In caso contrario potrebbe essere necessario assumere un antibiotico o rimuovere eventuale materiale che ostruisce le vie nasali, con successiva cauterizzazione della mucosa ispessita. Purtroppo, anche se rari, non mancano nemmeno casi in cui il problema è permanente. In particolare, il rischio di un’anosmia definitiva aumenta dopo i 60 anni di età.

L’anosmia e lo stop alla percezione degli odori ultima modifica: 2015-11-25T08:47:33+00:00 da Serena Bodei
Bio Autore

Serena Bodei

Da anni attiva nel mondo dell'informazione, scrive per Dimensione Medica dal 2014.

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *