La valle delle 72 cascate

228 visualizzazioni Scrivi un commento

La valle di Lauterbrunnen in Svizzera è una delle valli alpine più caratteristiche, racchiusa tra gigantesche pareti rocciose e cime elevate. Con le sue 72 fragorose cascate e le sue valli appartate, i suoi alpeggi fioriti e i suoi hotel di montagna isolati, rappresenta una delle riserve naturali più importanti della Svizzera.

Tra le 72 cascate la più emblematica è quella di Staubbach, una delle cascate più alte d’Europa, che si getta da un parete rocciosa alta circa 300 metri.

Già nei secoli passati lo splendido paesaggio della valle di Lauterbrunnen affascinava gli escursionisti. La vallata è portata come esempio in tanti libri scolastici. Ma sono soprattutto le sue cascate uniche ad aver da sempre impressionato chi le ammirava. Johann Wolfgang von Goethe, visitò la valle nel 1779, e trovò l’ispirazione in queste acque fragorose per comporre il suo celebre poema “Gesang der Geister über den Wassern”( scrisse “Il canto degli spiriti sopra le acque”) .

La stupefacente cascata di Staubbach come detto fa parte delle 72 cascate della Valle di Lauterbrunner, alle quali appartengono anche le cascate di Trümmelbach, in totale una decina. Si trovano nel cuore della montagna Schwarzer Mönch, nascoste dietro ad impressionanti pareti rocciose, ed offrono uno spettacolo naturale grandioso. Le cascate di Trümmelbach sono rappresentate da scrosci e tuoni dentro la montagna, acqua gorgogliante, spumante e vorticosa. Sono considerate le maggiori cascate sotterranee d’Europa. Queste cascate sono le uniche al mondo originate da un ghiacciaio e con accesso sotterraneo, collegate via ascensore, gallerie, percorsi in tunnel, sentieri e piattaforme all’aperto. Solo loro convogliano infatti a valle l’acqua dei tre grandi l’Eiger, il Monch e la Jungfrau, con una portata massima di 20.000 litri d’acqua al secondo.

Si contemplano viste con riflessi di luce e d’acqua spettacolari, squarci panoramici di insenature nelle rocce, particolari formazioni rocciose ed erosive. Inoltre i particolari rumori i suoni e gli spruzzi d’acqua rendono la visita notevolmente interessante ed emozionante (per il troppo rumore i bambini fino a quattro anni non sono ammessi).

Un’escursione per lo più in piano fa passare davanti alle acque precipitanti da pareti rocciose verticali e in parte alte parecchie centinaia di metri sul percorso che congiunge Lauterbrunnen a Stechelberg. Il percorso si può fare interamente a piedi o si può usufruire dell’ascensore che ti porta già in quota (alla cascata n°6) per poi comunque procedere a piedi in un sentiero di cemento fatto per lo più a scale, fino ad arrivare alla cascata n°10. Il percorso si snoda in grotta e all’aperto, per questo motivo sono consigliati una giacca pesante e delle pedule o scarponcini tecnici per non scivolare sul bagnato. Affinché l’escursione sia gradevole, è importante effettuare un’accurata pianificazione del tour. Prima di intraprendere l’escursione, informatevi presso il centro informazioni locale sullo stato del percorso e le condizioni meteo. Questo itinerario escursionistico può essere chiuso o interrotto a seconda della stagione.

 

La valle delle 72 cascate ultima modifica: 2018-02-21T12:00:57+00:00 da Serena Bodei
Bio Autore

Serena Bodei

Da anni attiva nel mondo dell'informazione, scrive per Dimensione Medica dal 2014.

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *