La ricerca sulla Sma “mette le ali”

1244 visualizzazioni Scrivi un commento

L’Atrofia Muscolare Spinale (Sma) rappresenta la causa principale di morte infantile nei Paesi sviluppati. È una malattia genetica rara, disabilitante di alcune cellule nervose del midollo spinale, che colpisce prevalentemente i bambini, limitandone o impedendone attività quali gattonare, camminare, controllare il collo e la testa e deglutire. Un bimbo su 6.000 ne è colpito e al momento non esiste ancora una cura, ma concrete speranze grazie alla ricerca.
La Sma richiede grandi risorse umane ed economiche, così come la ricerca di una cura. Ecco perché, anche quest’anno, sabato 3 e domenica 4 ottobre (dalle 10 alle 19), la onlus Famiglie Sma, grazie a volontari, bimbi affetti e alle loro famigli, porterà in oltre 100 piazze italiane la Campagna “Un aquilone per un bambino”, per far conoscere la malattia e cercare fondi per sostenere i progetti di ricerca scientifica sia nell’ambito genetico che farmacologico. I cittadini potranno partecipare con una donazione minima di 7 euro oppure inviando un SMS solidale al numero 45508.
La onlus Famiglie Sma è un’organizzazione piccola e dinamica, fatta di persone motivate e determinate che vogliono dare risposte concrete a bisogni importanti, coinvolgendo tutti coloro che desiderino condividere la loro visione di un mondo solidale con chi vive la malattia e il disagio.
L’aquilone, simbolo di gioia e di speranza, protagonista dell’evento per sensibilizzare il  grande pubblico sui problemi che una malattia come l’Atrofia Muscolare Spinale comporta e per far capire che, anche i bambini con la Sma, possono far volare i loro desideri e la loro vita. Con gli Aquiloni, si raccoglieranno anche fondi per sostenere i progetti di ricerca clinica e si riceveranno informazioni per spiegare di cosa si occupa l’Associazione. Testimonial dell’iniziativa Vittorio Brumotti.
Motto della manifestazione: “Insieme possiamo far volare la ricerca contro la Sma, insieme possiamo far volare migliaia di bambini”.

La ricerca sulla Sma “mette le ali” ultima modifica: 2015-09-29T06:09:16+00:00 da Serena Bodei
Bio Autore

Serena Bodei

Da anni attiva nel mondo dell'informazione, scrive per Dimensione Medica dal 2014.

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *