La prevenzione nella coppia: anche il ruolo del farmacista è importante

805 visualizzazioni Scrivi un commento

 

Milioni di persone ogni giorno hanno a che fare con problemi riguardanti la sfera sessuale: disfunzione erettile, eiaculazione precoce, vaginismo ed anorgasmia.  Oltre a questo hanno un enorme importanza, sia nei Paesi in via di sviluppo che nei Paesi industrializzati, le malattie sessualmente trasmissibili (MST). E’ per questo che è necessaria una corretta informazione atta a garantire la prevenzione nella coppia.

In tutto ciò è importante, accanto al ruolo del sessuologo, anche quello del farmacista che oltre ad essere un consulente per quanto riguarda il corretto utilizzo dei farmaci ed i rischi del fai da te, può facilitare il processo di sensibilizzazione per la prevenzione delle MST.

I sessuologi affermano che l’adolescente medio ha il suo primo rapporto intorno ai 15 anni, un’età in cui nei ragazzi di oggi è alta la paura dell’insuccesso, e di conseguenza è più alto il rischio che, per combatterla, incorrano nell’abuso utilizzando farmaci vasodilatatori in associazione a droghe o alcol ad esempio. A questo punto il ruolo del farmacista potrebbe essere fondamentale, il ragazzo ovviamente non si confiderà, ma sta al farmacista leggere tra le righe la presenza di eventuali disagi, cogliendo segnali più o meno chiari.

I problemi sessuali però riguardano anche gli adulti, si vive meglio e più a lungo cercando di mantenere le abitudini di vita delle persone in salute, sfera sessuale compresa. Anche in questo caso il farmacista deve essere in grado di dare il consiglio giusto anche quando non c’è una chiara richiesta d’aiuto. Ovviamente il farmacista deve anche rendersi conto di eventuali suoi limiti, indirizzando il paziente verso uno psicologo o verso un sessuologo.

La prevenzione nella coppia: anche il ruolo del farmacista è importante ultima modifica: 2014-11-21T11:45:32+00:00 da Serena Bodei
Bio Autore

Serena Bodei

Da anni attiva nel mondo dell'informazione, scrive per Dimensione Medica dal 2014.

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *