La pasta che non fa ingrassare

1853 visualizzazioni Scrivi un commento

 

E’ noto che chi soffre di celiachia non può mangiare cibi che contengono glutine. Gli alimenti gluten free che però hanno un alto indice glicemico: saziano poco e fanno ingrassare.

I ricercatori dell’Istituto di Scienze degli Alimenti e della Nutrizione (Isan) dell’Università Cattolica di Piacenza stanno sviluppando una pasta senza glutine che non scuoce e viene assorbita più lentamente, a base di legumi, con basso indice glicemico.

Il team di studiosi sta perfezionando l’uso di fonti alternative di amido e sta mettendo a punto una ricetta a base di farina di fagiolo dal basso indice glicemico. L’obiettivo è quello di evitare nei celiaci l’aumento di peso e l’incidenza di malattie metaboliche causati dal consumo di alimenti gluten free.

Per riuscire nel loro intento i ricercatori hanno utilizzato tra gli ingredienti una farina ricavata da diverse varietà di fagiolo, ottenendo in via sperimentale una pasta che resiste di più alla cottura e dal gusto e dal profumo eccellenti.
Secondo  dott. Giuberti, coordinatore del progetto di ricerca, i primi risultati ottenuti sono molto promettenti, i dati mostrano come l’inclusione di farina di fagiolo possa ridurre notevolmente l’indice glicemico della pasta (con abbassamento nell’ordine del 30-40%), senza però modificare le principali caratteristiche tecnologiche del prodotto.

Inoltre, sempre dall’Isan, stanno per essere formulati anche altri prodotti, tra cui biscotti e cracker, al fine di ampliare il bacino di offerta dei prodotti gluten free a largo consumo.

Vista la quantità di aziende interessate alla produzione su larga scala di questi alimenti il prossimo passo sarà quello di valutare definitivamente l’efficacia dimagrante di questi prodotti su persone affette da celiachia, per confermare i risultati eccellenti ottenuti in laboratorio. Dopodiché la produzione potrà iniziare.

 

La pasta che non fa ingrassare ultima modifica: 2015-03-04T15:23:59+00:00 da Serena Bodei
Bio Autore

Serena Bodei

Da anni attiva nel mondo dell'informazione, scrive per Dimensione Medica dal 2014.

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *