La grotta della melodia..in Scozia

685 visualizzazioni Scrivi un commento

La grotta di Fingal (meglio nota come Fingal’s Cave) è una grotta marina che si trova sull’isola di Staffa a largo della costa occidentale della Scozia, e che fa parte di una riserva naturale il National Nature Reserve del National Trust for Scotland. L’isola di Staffa appartiene all’arcipelago delle Ebridi interne composto da 35 isole abitate e 44 isole non abitate: la patria di centinaia di uccelli marini e con le acque che brulicano di vita marina.

La principale caratteristica di questa grotta è che interamente formata da pilastri basaltici esagonali: l’ipotesi è che una colata lavica avvenuta 60 milioni di anni fa cominciò a raffreddarsi in schemi esagonali che, partendo dalla superficie, si estesero in profondità formando le colonne, dando vita ad un luogo suggestivo e mitologico che sconvolge con la sua bellezza disarmante. Grazie alle sue dimensioni, al soffitto ad arco ed ai misteriosi suoni prodotti dall’eco delle onde, questa formazione naturale sembra una cattedrale. Fingal’s Cave sembra disegnata e intagliata, tanto è perfetta, armoniosa nei colori e nelle forme.

La caratteristica apertura ad arco, il soffitto, le sue incredibili dimensioni (circa 20 metri d’altezza e 70 metri di profondità), il mare impetuoso che vi entra indisturbato e le onde che creano suoni misteriosi, le sono valsi il nome gaelico di “Grotta della Melodia” (An Uaimh Bhinn), mentre per la sua maestosità è chiamata “Cattedrale”. Fu scoperta dal naturalista Joseph Banks nel 1772.

La grotta, per via delle forti correnti e della sua caratteristica conformazione rocciosa, non può essere visitata dall’interno poiché pericolosa per ogni tipo di imbarcazione ma, in caso di bassa marea, è possibile sbarcare e incamminarsi fino all’imbocco. Il porticciolo di Fionnphort, posto all’estremità occidentale dell’isola di Mull, è la base di partenza di alcuni piccole traghetti locali in direzione dell’isola di Staffa. È quindi possibile sbarcare sull’isola e raggiungere a piedi la grotta grazie ad una fila di colonne fratturate che formano un cammino che affiora appena al di sopra il livello dell’alta marea.

Divenne nota come Fingal’s Cave dal nome dell’eroe Fingal (“Bianco Straniero”) di un poema di James Macpherson del Ciclo di Ossian. Nella mitologia irlandese Fingal è conosciuto come Fionn mac Cumhaill (in scozzese, Finn Mac Cool), che secondo la leggenda costruì un selciato tra Irlanda e Scozia.

I paesaggi mozzafiato e la varietà di flora e fauna di questi luoghi hanno ispirato musicisti, scrittori e artisti. Tra i famosi visitatori ottocenteschi ci furono Walter Scott, William Wordsworth, John Keats, Alfred Tennyson, il pittore romantico William Turnerche la dipinse nel 1832, e la regina Vittoria. Il compositore Felix Mendelssohn visitò la grotta nel 1829 e poi compose l’Ouverture Le Ebridi, Opus 26, ispirata ai misteriosi suoni prodotti dall’eco delle onde nella grotta, che la rese popolare come destinazione turistica.

Inoltre, un brano strumentale dei Pink Floyd s’intitola Fingal’s Cave: scritto per Zabriskie Point, non venne però inserito nella colonna sonora del film.

 

La struttura caratteristica della Fingal’s Cave con le sue colonne basaltiche esagonali è simile a quelle del Giant’s Causeway (il selciato del gigante), in Irlanda del Nord. Si tratta di un affioramento roccioso naturale a circa 3 km a nord della cittadina di Bushmills, nella contea di Antrim. Qui 40.000 colonne basaltiche affiorano anche per 12 metri d’altezza. La leggenda più famosa e accettata riguardava il gigante Finn McCool, che avrebbe costruito un selciato per camminare dall’Irlanda alla Scozia per combattere un altro gigante, Angus. Una struttura simile si trova anche in Islanda. Svartifoss è una cascata islandese, situata all’interno del Parco nazionale Skaftafell, ed è costituida da colonne di basalto dalla forma esagonale di provenienza vulcanica.

La grotta della melodia..in Scozia ultima modifica: 2018-01-29T12:00:00+00:00 da Serena Bodei
Bio Autore

Serena Bodei

Da anni attiva nel mondo dell'informazione, scrive per Dimensione Medica dal 2014.

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *