La grotta dei flauti

898 visualizzazioni Scrivi un commento

La Reed Flute Cave in Cina è un’attrazione turistica molto frequentata, un mondo spettacolare fatto di stalattiti, stalagmiti, colonne di pietra formate da stalattiti e stalagmiti, formazioni rocciose, illuminate da luci multicolore, è una caverna di pietra calcarea ed è famosa soprattutto per la sua illuminazione colorata. Situata a 5Km a nord-ovest di Guilin, è una luminosa grotta ed è conosciuta come “il Palazzo dell’Arte Naturale” e turisti da tutto il mondo arrivano per ammirarla e fotografarla.
La grotta prende il nome (ricevuto durante la dinastia Tang) dai numerosi canneti verdeggianti che crescono al di fuori di essa e che possono essere trasformati in flauti in grado di emettere un suono melodioso.
La Grotta è lunga circa 240 metri, il suo punto più alto è a 18 metri, la sua parte più ampia a 93 metri, i turisti vi entrano e poi eseguono un percorso ad U (della durata di circa 1 ora) per visitare i diversi luoghi, ed uscire da un’altra grotta vicino all’ingresso principale. Camminando attraverso questi serrati piloni di pietra, i turisti dilettano lo sguardo con il cambiamento di luci e forme, sentendosi nella dimora paradisiaca di qualche dio. Alcune strutture naturali hanno nomi suggestivi, fantastici o poetici tra cui: Dragon Pagoda, Crystal Palace, Virgin Forest; formazioni rocciose a forma di tende, uccelli, fiori, animali, creature mitologiche, persino di Babbo Natale con sacca e Statua della Libertà. La storia dietro ognuno di esse è molto divertente e quindi piacevole da ascoltare attraverso il racconto delle guide turistiche, è delizioso ascoltare romantiche fiabe mentre si osservano le diverse forme e luci delle pietre.
All’interno della grotta sono state rinvenute numerose iscrizioni scritte in inchiostro che risalgono al 792 a. C., che comunicano che questo luogo è stato un’attrazione sin dall’antichità. Si tratta di diari di viaggio e poesie scritte da letterati della dinastia Tang che hanno visitato la grotta.
Da quando la Grotta è stata aperta al pubblico, nel 1962, milioni di visitatori sono passati da qui. E’ stata attualmente dotata di un sistema di illuminazione artificiale che rende ancora più forte l’impatto visivo, ripresentandosi agli occhi dei visitatori come un palazzo sotterraneo fiabesco. Durante la 2°Guerra Mondiale, la grotta è servita come rifugio antiaereo per molte persone, dato che le canne, crescendo rigogliose, coprivano l’ingresso della grotta.

La grotta dei flauti ultima modifica: 2015-03-16T18:00:35+00:00 da Serena Bodei
Bio Autore

Serena Bodei

Da anni attiva nel mondo dell'informazione, scrive per Dimensione Medica dal 2014.

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *