La giovinezza “nelle mani”

662 visualizzazioni Scrivi un commento

Le mani sono una delle zone del corpo maggiormente esposte alle aggressione di agenti esterni come l’esposizione ai raggi Uva e ai fenomeni atmosferici, l’uso di prodotti chimici (detersivi, prodotti per la pulizia in generale…), ma spesso sono tra quelle più trascurate. Per tutti questi motivi, spesso appaiono più vecchie e segnate di quanto dovrebbero.  Con il passare del tempo a livello delle mani si verifica una riduzione di acido ialuronico, che rende la cute idratata e morbida; una perdita di tono a livello del derma; una riduzione del tessuto adiposo e del turn over cellulare, soprattutto a livello delle unghie; una riduzione della capacità di difesa verso i raggi Uv, che tendono a causare discromie cutanee.
E’ importante utilizzare sempre creme specifiche, ma nel caso in cui le cure casalinghe non bastano, si può chiedere aiuto alla medicina estetica.
Nel caso in cui si voglia eliminare le piccole macchie e migliorare l’aspetto e la tensione della pelle, esiste un trattamento innovativo, il PQAge, che abbina due tecniche diverse: peeling e biorivitalizzazioni. Sul dorso della mano viene applicato un gel che contiene microsfere in grado di esfoliare gli strati superficiali della pelle e aminoacidi e acido ialuronico che rendono la pelle più luminosa, idratata e morbida. Il gel viene lasciato in posa per 15-20 minuti e poi viene tolto con acqua e sapone. Possono restare piccoli rossori che scompaiono in breve tempo. Solitamente sono necessarie 4 sedute (il costo di ciascuna è di circa 180 euro) e i risultati durano dai 6 ai 12 mesi.
A oggi, la tecnica più efficace per eliminare le macchie cutanee è la tecnica dermamelan, una maschera depigmentante in grado di aggredire la melanina. Il dorso della mano viene lavato con una soluzione sgrassante e successivamente viene applicata la maschera che viene lasciata in posa per 5-12 ore. La maschera viene rimossa con acqua e latte detergente. Nei giorni successivi dovrà essere applicata una crema specifica fornita dal medico. Solitamente basta una sola seduta (dal costo di 450-500 euro) ed i risultati sono spesso definitivi.
Se la maschera non è riuscita ad eliminare tutte le macchie si può ricorrere al laser o alla luce pulsata (meno selettiva e agisce meno in profondità rispetto al laser). Viene utilizzato un apparecchio che emette energia in grado di disgregare la melanina e quindi eliminare le macchie. Dopo il trattamento è bene proteggere la zona con garze sterili; dopo un paio di giorni possono comparire crosticine, che spariscono nel giro di qualche settimana. Il laser richiede due sedute con cadenza mensile, ciascuna dal costo di 250 euro. La luce pulsata richiede 3-4 sedute (ciascuna dal costo di 180 euro) che devono essere effettuate a distanza di un mese ciascuna dall’altra. Anche in questo caso i risultati sono spesso definitivi.

La giovinezza “nelle mani” ultima modifica: 2015-12-09T10:00:13+00:00 da Serena Bodei
Bio Autore

Serena Bodei

Da anni attiva nel mondo dell'informazione, scrive per Dimensione Medica dal 2014.

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *