La celiachia è ereditaria?

1869 visualizzazioni Scrivi un commento

La celiachia è stata riconosciuta malattia sociale dal 2005. E’ un problema autoimmune, una condizione digestiva cronica provocata dal contatto del glutine con la mucosa intestinale in seguito all’ingestione di alimenti o farmaci. Si scatena una reazione immunitaria che determina vari disturbi legati soprattutto alla situazione di malassorbimento dovuta all’assenza dei villi che sono estroflessi, non più piatti.
La celiachia interferisce con l’accrescimento, il benessere e la qualità di vita. Da tempo è considerata una malattia in parte ereditaria, associata al gene HIa, in particolare ai tipi HIa Dq2 e Dq8. Esiste una stretta correlazione tra HIa e la malattia, tutte le persone con celiachia presentano questo assetto genetico.
Nella stessa famiglia, tra parenti di primo grado di celiaci la probabilità di avere la celiachia è compresa tra il 10 ed il 15%. Se c’è la predisposizione genetica non è sufficiente per sviluppare la malattia, perché la celiachia è multifattoriale, oltre ai fattori genetici dipende anche dai fattori ambientali, ancora in fase di studio. Potrebbero essere coinvolte cause stressanti come un incidente, un intervento chirurgico o un forte dolore psicologico.
Uno studio italiano ha dimostrato il coinvolgimento del Rotavirus che colpisce almeno una volta nella vita il 90% delle persone, soprattutto in età infantile. Quando un individuo sensibile viene in contatto con il Rotavirus vengono prodotti anticorpi che riconoscono e neutralizzano la proteina del virus chiamata Vp7. Questa proteina è strutturalmente simile ad una sostanza presente sulle cellule del rivestimento del canale intestinale che viene quindi riconosciuta dagli anticorpi che danneggiano le cellule della mucosa intestinale che perdono l’impermeabilità facendo in questo modo penetrare il glutine nella parete intestinale. Le persone non predisposte geneticamente invece non corrono questo rischio anche se vengono attaccate dal Rotavirus.
E’ comunque consigliabile, per chi ha un parente di primo grado con celiachia, sottoporsi a test genetico e al dosaggio degli autoanticorpi, mediante esami del sangue. La presenza dei geni indica la predisposizione e la possibilità di sviluppare la malattia.

La celiachia è ereditaria? ultima modifica: 2015-06-19T00:52:30+00:00 da Serena Bodei
Bio Autore

Serena Bodei

Da anni attiva nel mondo dell'informazione, scrive per Dimensione Medica dal 2014.

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *