La Carovana del Cuore

935 visualizzazioni Scrivi un commento

La Carovana del Cuore è una grande campagna di sensibilizzazione per la promozione dei diritti dell’infanzia attiva dal 2005 su tutto il territorio italiano. Nel 2008 è stata insignita della medaglia d’Argento dal Presidente della Repubblica, Giorgio Napolitano, per il contributo significativo alla formazione di una cultura fondata sul valore della solidarietà e sempre più attenta alla tutela e al rispetto della dignità della persona, principi cardine del nostro ordinamento costituzionale.
Ogni anno, da giugno a settembre, i volontari della Fondazione Paoletti, riconoscibili dall’inconfondibile maglietta arancione percorrono, strade, spiagge e città incontrando centinaia di migliaia di persone. Il loro obiettivo è condividere un messaggio: Vivi Appassionatamente, e l’importanza di un impegno a favore dei più deboli.
Con l’aggravarsi della crisi economica, nel 2012 e nel 2013, Carovana del Cuore promuove 1 Milione di Pasti in Italia, un progetto a favore delle famiglie colpite dalle nuove povertà. 1 Milione di pasti è attivo anche all’estero, là dove la povertà e le malattie impediscono e rallentano il processo di sviluppo di milioni di bambini: Congo, India, Indonesia, Perù e Haiti. In questi anni è stato fondamentale l’incoraggiamento delle istituzioni (circa 200 patrocini per edizione), accordati da Ministeri, Regioni, Province, Comuni ed Enti (università e associazioni) hanno espresso grande vicinanza e sostegno. Questo grande supporto ha permesso in questi anni di: aprire 8 progetti nelle zone più povere del pianeta; attivare progetti per le emergenze in Italia (Abruzzo e Emilia Romagna); incontrare 22,05 milioni di persone; dialogare con 6,25 milioni di persone; realizzare 805 giorni di attività e tutto questo grazie ad oltre 12.339 volontari, il motore del progetto.

La Carovana del Cuore ultima modifica: 2014-07-17T09:41:33+00:00 da Serena Bodei
Bio Autore

Serena Bodei

Da anni attiva nel mondo dell'informazione, scrive per Dimensione Medica dal 2014.

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *