La biblio-cabina direttamente da New York

710 visualizzazioni Scrivi un commento

 

Nasce nel 2012 a New York una bella iniziativa per tutti coloro che sono appassionati di libri: le cabine telefoniche pubbliche ormai in disuso hanno trovato una nuova funzione riempiendosi di libri in libero scambio, un modo diverso ed originale per fare book-crossing. Il primo a inventarle è stato l’architetto newyorkese John Locke, il necessario: una cabina telefonica in disuso, una scaffalatura e qualche vecchio libro pronto per essere letto da sconosciuti in giro per la città.

L’iniziativa si è diffusa nel mondo ed è arrivata anche in Italia: dopo il primo esperimento ad Arona sul lago Maggiore, la “biblio-cabina” sbarca anche a Roma dove è stata inaugurata l’11 ottobre nel parco della Torresina a Roma: i volumi usati sono stati inseriti all’interno di una vecchia cabina telefonica, concessa da Telecom e modificata grazie a una scaffalatura: i passanti potranno così scambiarsi libri gratuitamente, prendendone uno di proprio gradimento e lasciandone un altro. L’iniziativa è stata ideata dal Comitato di quartiere Torresina e dalle associazioni H2, Scaffali e Alberoandronico con il sostegno di Telecom Italia che in questo modo darà nuova vita alle cabine telefoniche in disuso. Oltre alla cabina telefonica, anche il legno utilizzato per la costruzione della scaffalatura è riciclato.

Il book-crossing rappresenta un modo per incoraggiare la condivisione del sapere attraverso lo scambio continuo di libri che vengono lasciati a disposizione di coloro che li vogliono leggere, una volta ultimata la lettura vengono restituiti per i nuovi lettori. Per partecipare al BookCrossing basta iscriversi al sito Bookcrossing.com, registrare il libro per ottenere un codice identificativo (BCID) che permette di seguire il volume durante i suoi spostamenti. Chi ritrova il libro è invece invitato a segnalare il ritrovamento sul sito e a rilasciarlo, dopo la sua lettura, per offrire la sua stessa opportunità ad altre persone. Il funzionamento della biblio-cabina è analogo; inoltre per evitare furti o la vendita dei libri questi saranno tutti timbrati e messi a disposizione di coloro che vorranno leggerli.

 

La biblio-cabina direttamente da New York ultima modifica: 2014-12-01T14:21:20+00:00 da Serena Bodei
Bio Autore

Serena Bodei

Da anni attiva nel mondo dell'informazione, scrive per Dimensione Medica dal 2014.

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *