Ketamina contro la depressione?

644 visualizzazioni Scrivi un commento

La ketamina è una sostanza sintetica usata come farmaco anestetico e analgesico, ma abitualmente è illegalmente utilizzata come allucinogeno. Questo anestetico potrebbe avere una doppia faccia: sembra infatti che il monitoraggio degli effetti del farmaco sul cervello abbia rilevato percorsi neurali che potrebbero aiutare lo sviluppo di sostanze antidepressive ad azione rapida.
Lo hanno scoperto i ricercatori dell’Università di Auckland in Nuova Zelanda, il lavoro è stato pubblicato sul “Journal of Neuroscience”.
Il dottor Muthukumaraswamy, ricercatore universitario e membro del Centre for Brian Research, ha usato le più recenti tecnologie che riproducono le immagini del cervello per indagare su quali meccanismi l’uso della ketamina può essere benefico per il cervello umano. Il dottore sostiene che durante la depressione, due parti del circuito frontoparietale del cervello lavorano non rispettando gli standard temporali e andando oltre le abituali linee di connessione. La ketamina disconnette queste due parti del cervello e blocca queste connessioni irregolari, funzionando come un antidepressivo.
Secondo il dottore, a differenza di altri antidepressivi, la ketamina agisce molto velocemente. Questa droga è importante perchè identifica i potenziali biomarcatori dell’attività antidepressiva nei pazienti umani.
La ketamina, non è un farmaco autorizzato per la depressione poiché sono ancora in atto sperimentazioni. Inoltre, questa sostanza è impiegata anche come droga, in quanto allucinogena: non è quindi chiaro se possa essere utilizzata nella pratica clinica di routine.

Ketamina contro la depressione? ultima modifica: 2015-09-29T06:09:44+00:00 da Serena Bodei
Bio Autore

Serena Bodei

Da anni attiva nel mondo dell'informazione, scrive per Dimensione Medica dal 2014.

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *