Keep calm..and check yourself

900 visualizzazioni Scrivi un commento

Ogni anno in Italia a circa 50.000 donne viene diagnosticato un tumore al seno, il “big killer” del sesso femminile. L’80% dei tumori della mammella è diagnosticato in donne con più di 50 anni, ma negli ultimi anni si è verificato un aumento del 30% dell’incidenza della malattia nelle giovani donne con età compresa tra i 25 e i 45 anni. A seconda dello stadio, la malattia può essere localizzata o diffondersi ai tessuti circostanti e ad altre parti del corpo; le possibilità di cura e di guarigione dipendono dallo stadio in cui la neoplasia si trova al momento della diagnosi e dalle sue caratteristiche biologiche. Una diagnosi precoce è possibile soprattutto per la diffusione su larga scala dei programmi di screening mammografico e all’autopalpazione. La ricerca scientifica ha compiuto passi da gigante: oggi, infatti, guarisce oltre il 90% delle donne a cui il tumore è stato diagnosticato in fase iniziale.
Per questi motivi la Lega Italiana per la Lotta contro i Tumori (LILT) con la Campagna Nastro Rosa vuole promuovere la cultura della prevenzione come metodo di vita a partire dalle donne, affinché tutte si sottopongano a visite senologiche periodiche. Sottoporsi con regolarità a visite cliniche senologiche, a mammografia, ecografia mammaria è importante, così come è importante l’auto-esame che possiamo effettuare ogni volta che facciamo la doccia.
Ottobre è il mese della prevenzione del tumore al seno. Le donne devono ricordare che il più efficace strumento di lotta a questa malattia è nelle loro mani: l’autopalpazione mensile. Per imparare come farla, per tutto il mese sul sito Nestlè fitness saranno disponibili i consigli del professor Schittulli, presidente nazionale della LILT e un video tutorial che spiega in modo chiaro i gesti per eseguire l’autopalpazione del seno.
Dall’impegno decennale di Fondazione Veronesi è nato il progetto “Pink is GOOD”, che si pone come obiettivo quello di battere definitivamente il tumore al seno. Per la Fondazione, “Pink is GOOD” significa promuovere la prevenzione, indispensabile per individuare la malattia nelle primissime fasi e fare informazione sul tema in modo serio, accurato, aggiornato. E’ anche sostegno concreto alla Ricerca, grazie al finanziamento di borse e progetti di ricerca  per medici e scienziati che hanno deciso di dedicare la loro vita allo studio e alla cura del tumore al seno. La ricerca ha cambiato la vita di migliaia di donne e per questo è importante che continui a lavorare per individuare soluzioni innovative per anticipare il più possibile la diagnosi, trovare nuove terapie, nuovi farmaci, in grado di sconfiggere definitivamente il tumore al seno.
Dopo il successo della prima edizione, anche quest’anno PittaRosso dedica la PittaRosso Pink Parade a “Pink is Good”. PittaRosso Pink Parade è la camminata di beneficenza non competitiva di 5 chilometri, il cui ricavato sarà totalmente devoluto a Fondazione Umberto Veronesi a sostegno della ricerca sul tumore al seno. Dopo la tappa di Roma il 4 ottobre, da non perdere l’appuntamento a Milano il 25 ottobre.

Keep calm..and check yourself ultima modifica: 2015-10-13T10:19:05+00:00 da Serena Bodei
Bio Autore

Serena Bodei

Da anni attiva nel mondo dell'informazione, scrive per Dimensione Medica dal 2014.

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *