In inverno, non bisogna rinunciare alla corsa

2088 visualizzazioni Scrivi un commento

E’ arrivata la stagione fredda e anche gli amanti della corsa devono adattarsi alle nuove temperature. Gli appassionati di questo sport di sicuro non si lasciano scoraggiare dalla rigidità del clima: l’allenamento e la fatica non cambiano, ma è necessaria una serie di accorgimenti per affrontare al meglio questi mesi invernali in cui la colonnina di mercurio è vicina allo zero. I veri runner sanno che, l’attività quotidiana outdoor è una vera e propria sferzata al metabolismo: il freddo pungente potenzia l’effetto del jogging, molto più che in estate.
E’ importante mantenere sempre un’adeguata mobilità della schiena, con semplici esercizi prima del gesto atletico; inoltre, è utile allungare sempre, prima e dopo la corsa, le anche e i muscoli degli arti inferiori. Un buon riscaldamento muscolare, di almeno un quarto d’ora, è fondamentale perché con le temperature rigide crampi e contratture sono sempre in agguato.
Per evitare i malanni da raffreddamento, causati anche da un abbigliamento non adeguato: per quanto riguarda la biancheria intima, bisognerebbe preferite i tessuti tecnici elasticizzati e traspiranti che lasciano asciutto il tessuto a contatto con la pelle, e proteggono da freddo e vento; i pantaloni lunghi tipo fuseaux dovrebbero essere in microfibra termica e idrorepellente. Inoltre, per proteggere fronte, naso e orecchie, sono importanti cappello o fascia, guanti, occhiali (utili anche in inverno, nel caso in cui ci siano delle giornate di sole), maglia o giacca in microfibra antivento.
Ma sono loro, le scarpe, le vere alleate di chi pratica la corsa. La scelta delle scarpe da corsa giuste è molto importante: sono diverse tra uomo e donna (le donne hanno le piante dei piedi leggermente più strette a parità di numero), e sono diverse anche in base al peso della persona, che determina la capacità ammortizzante della scarpa e dal tipo di allenamento. La scarpa dev’essere ammortizzata, ma non troppo perché andrebbe a peggiorare il livello di performance facendo perdere sensibilità al piede e, a risentirne è la capacità di attivare tutta la muscolatura per andare incontro all’impatto col terreno.
Esiste una mini guida sulle caratteristiche tecniche dell’outifit da privilegiare a seconda delle condizioni climatiche) e con una selezione delle migliori App per la corsa.

In inverno, non bisogna rinunciare alla corsa ultima modifica: 2015-12-03T07:30:31+00:00 da Serena Bodei
Bio Autore

Serena Bodei

Da anni attiva nel mondo dell'informazione, scrive per Dimensione Medica dal 2014.

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *