In arrivo dall’America la farina di grilli

719 visualizzazioni Scrivi un commento

Per noi occidentali sono cibi del tutto insoliti, ma in diverse aree del pianeta gli insetti sono da sempre utilizzati in cucina. Per le loro caratteristiche nutrizionali, rientrano tra i cibi del futuro, sani e sostenibili promossi dalla Fao e dall’Onu, in un rapporto del 2013, per il consumo umano per contribuire a sostenere la popolazione in crescita senza causare più problemi all’ambiente.
Così, quattro giovani statunitensi hanno ideato il primo allevamento di grilli destinato alla produzione di farina per l’alimentazione umana. “Fresco, sano e sostenibile” è il motto di Elliot, Max, Peter e Matt, ideatori dell’allevamento “Coalo Valley Farms, nella San Fernando Valley, per la produzione di farina commestibile in California, la nuova frontiera dell’alimentazione proteica ed ecosostenibile.
La farina di grillo è ricca di proteine e minerali, e pare abbia un piacevole gusto di nocciola o di mandorle affumicate e si possa usare per preparare di tutto dalle barrette proteiche ai frullati, dalla farina per la pizza alle frittelle.
I grilli saranno allevati in un magazzino di 650 metri quadrati, la farina prodotta sarà venduta a privati, a ristoranti e ad aziende di produzione alimentare. Il magazzino includerà 175 bidoni, ognuno con 2.000 grilli. Gli insetti mangiano vegetali in decomposizione, funghi e alcune piante.
Il primo lotto di farina sarà pronto entro agosto e venduto a 44/55 dollari per mezzo chilo.

In arrivo dall’America la farina di grilli ultima modifica: 2015-06-14T21:02:49+00:00 da Serena Bodei
Bio Autore

Serena Bodei

Da anni attiva nel mondo dell'informazione, scrive per Dimensione Medica dal 2014.

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *